cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il DONUT con la linguaccia

Per 20 unità degustazione serviranno:

Farina “00” g 260,00

Parmigiano grattugiato g 130,00

Uova 3
Latte ml 150,00

Panna ml 100,00
Olio semi 3 cucchiai

Lievito in polvere per salati 1 bustina

Sale, pepe, sesamo nero

Salmone affumicato g 100,00

Mascarpone g 200,00

Melograno 1

In una ciotola capiente unire farina, uova, latte, panna, parmigiano, lievito ed olio, sale e pepe, poi mixare.

Lasciar riposare coperto in frigo per circa 30 minuti. Passare l’impasto in una sac à poche, facilita di molto il lavoro.

Nel frattempo scaldare la piastra per donuts, oppure predisporre ed ungere gli stampini da mettere al forno.

Sgranare il melograno.

Ridurre il salmone affumicato in sottili frange.

Mescolare il mascarpone con sale, pepe, chicchi di melograno.

Colare l’ impasto nella piastra e cuocere senza sollevare per 3 minuti( non aprire assolutamente perché se non ben cotto sgonfia irrimediabilmente)

Una volta pronti tutti i donuts lasciar leggermente intiepidire e poi tagliare a metà.

Farcire abbondantemente con la crema di mascarpone e melograno, aggiungere una “lingua” di salmone( ma anche più di una), cospargere i bordi con sesamo nero tostato, ma anche semi di papavero, oppure ciuffetti di aneto.

I donuts si conservano senza problemi per un paio di giorni in un contenitore ermetico, vanno chiaramente farciti poco prima del servizio .

Questo semplice finger si presta a molteplici accompagnamenti e modalità di presentazione, ad esempio si può servire a bordo bicchiere, come una fetta d’arancia, con una piccola fonduta di zola.

Altra idea è quella di realizzare una tapenade con capperi, senape, prezzemolo,acciughe, brandy, olive nere ed olio evo.

Collocarla nel bicchierino da finger (oppure in un classico shot) e “tappare” con il donut sormontato da un pomodoro ciliegino…..sembrerà un dolcetto!

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.