cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Risotto scampi e bocolo



Il 25 aprile per Venezia è soprattutto a festa del santo patrono, San Marco, e anche la festa del bocolo. Infatti in questa data è usanza comune che ogni uomo doni un bocciolo di rosa rossa , alla propria amata come pegno del loro amore. Questa usanza è molto conosciuta anche nell’entroterra veneziano e si festeggia anche nel mio paese.
Molte sono leggende legate a questa festa, io vi racconto quella più accreditata. La leggenda del bocolo risale ai tempi del Doge Orso I Partecipazio , 14° Doge della Serenissima (864-881), la cui figlia Maria, soprannominata Vulcana, si innamorò di un trovatore, Tancredi. Le umili origini dell’amato non permettevano ai due di coronare il loro sogno d’amore. Allora Vulcana suggerì a Tancredi di partire per combattere contro gli infedeli, con la speranza che tornasse glorioso e famoso. Tancredi partì e ben presto le notizie delle sue gloriose imprese si diffusero in tutti i territori cristiani, Venezia aspettava il ritorno del giovane in patria per accoglierlo con tutti gli onori riservati agli eroi.  Ma un brutto giorno Tancredi perì in battaglia e si accasciò su un rosaio di rose bianche, macchiando con il proprio sangue un bocciolo di rosa. Privo ormai di forze riuscì a consegnare il fiore al fidato amico Orlando, che lo portò a Vulcana. Straziata dal dolore, la giovane si ritirò nelle sue stanze: la mattina seguente venne trovata morta con il boccolo di rosa posato sul cuore. Era il 25 aprile, giorno in cui a Venezia si festeggia San Marco.

Io ho creato questa ricetta in occasione della festa: Risotto con scampi, petali di rosa e prosecco


Ingredienti per 2 persone :
140g di riso carnaroli
7 scampi
1 bocciolo di rosa rossa non trattata, con petali carnosi
100 ml. di prosecco
1 spicchio d'aglio
1 foglia di alloro
 2 steli di prezzemolo
70g di burro

500 ml. di brodo vegetale
sale fino
pepe nero
olio extra vergine di oliva Bonomo

Iniziamo col preparare il burro aromatizzato alla rose: lavare e asciugare con cura i petali di rosa poi tagliarli a striscioline (per 2 persone ho usato 7 petali di rosa).
Sciogliere il burro a bagnomaria, lasciarlo intiepidire, poi inserire i petali di rosa tritati, mescolare delicatamente con un cucchiaio e tenete da parte.
Lavare con cura gli scampi, praticare con una forbice un taglio sulla pancia in senso orizzontale ed eliminare il budellino.
Porre sul fuoco una risottiera con tre cucchiai di olio extra vergne di oliva, aggiungere lo spicchio d'aglio e la foglia di alloro e farli colorire, quindi aggiungere gli scampi e farli rosolare per 1 minuto a fuoco alto, quindi toglierli dalla risottiera e spegnere il fuoco.

Togliere la testa e il carapace agli scampi, tenerne due interi, gli altri tagliarli a tocchetti. Metterliin una ciotola, condirli con un trito di prezzemolo, olio, sale e pepe, coprire il recipiente e tenere da parte.

Porre la risottiera sul fuoco e quando l'olio è caldo aggiungere il riso e farlo tostare, sfumare con il prosecco, una volta evaporato il vino aggiungere gradualmente il brodo vegetale e portare il riso a cottura mescolando spesso.
A fuoco spento aggiungere i tocchetti di scampi e il burro aromatizzato alle rose, mantecare il risotto, lasciar riposare il riso due minuti prima di servirlo.
Impiattare il risotto con una coda di scampo e un ciuffetto di germogli di alloro.

la ricetta di Daniela Dal Ben è tratta dal blog http://danieladiocleziano.blogspot.it/2015/04/la-festa-del-bocolo-risotto-con-scampi.html

Vino consigliato: Prosecco di Valdobbiadene IGP

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni