cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

A Buttrio la settima tappa del Festival Triveneto del Baccalà

Mercoledì 4 ottobre 2017 alle 20.00 appuntamento al ristorante Enoteca di Buttrio (Buttrio - Udine), per la settima tappa del Festival Triveneto del Baccalà – Trofeo Tagliapietra 2017, il concorso per aggiudicarsi il titolo di miglior ricetta a base di stoccafisso o baccalà salato. Alla manifestazione culinaria itinerante, organizzata dalla Dogale Confraternita del Baccalà Mantecato, la Venerabile Confraternita del Baccalà alla Vicentina e la Vulnerabile Confraternita dello Stofiss dei Frati, in collaborazione con la Tagliapietra e Figli Srl, una tra le più importanti aziende leader importatrici di stoccafisso e baccalà con sede a Mestre (Venezia), partecipano 25 ristoranti del Triveneto. Matteo Berengo, Chef e titolare del ristorante Enoteca di Buttrio, dovrà preparare, come da Regolamento, tre piatti: antipasto, primo e secondo, di cui due con stoccafisso e uno con baccalà salato. Le ricette dovranno essere originali e innovative e verranno giudicate, in questa fase, dagli stessi commensali.
Il ristorante Enoteca di Buttrio proporrà le seguenti ricette:
- Antipasto: Che vinca il migliore, Crema di stoccafisso, cialda di foie gras e castagne, verza al burro, salsa all’aglio fermentato e polvere di liquirizia
- Primo piatto: La chiusura del cerchio, Gnocchi di patate, vellutata di spinacino, stoccafisso arrosto, vongole, la loro acqua e il caviale di trota di S. Daniele
- Secondo piatto: Ritorno al futuro, Baccalà cotto a bassa temperatura, crema di cipolla al forno, latte e parmigiano, cipolla di Cavasso all’agro, briciole di pane, acciughe del Cantabrico Don Bocarte e polvere di prezzemolo.
«Nel menù che presenterò in occasione del Festival Triveneto del Baccalà ci sarà sia un richiamo ai piatti della tradizione sia un gioco di abbinamenti legati alla stagionalità di questo periodo dell’anno e al connubio e contrasto di vari sapori», sottolinea lo Chef Matteo Berengo.
Il Galà Finale del Festival Triveneto del Baccalà - Trofeo Tagliapietra si svolgerà nella Cantina Sociale di San Bonifacio (Verona), lunedì 4 dicembre 2017. Una Giuria Tecnica proclamerà la migliore ricetta, assegnando allo Chef vincitore il Trofeo Tagliapietra e un viaggio alle Lofoten, isole norvegesi patria dello stoccafisso.
In Friuli Venezia Giulia il Festival farà ancora tappa a Udine e Provincia a Il Fogolar il ristorante del Best Western Hotel Là di Moret venerdì 27 ottobre e a La Darsena (San Giorgio di Nogaro) venerdì 17 novembre.
«Per questa nuova edizione - commenta Luca Padovani, Presidente del Comitato Organizzatore del Festival Triveneto del Baccalà - abbiamo voluto stimolare ancora di più la capacità degli Chef in gara. Oltre alla richiesta, secondo il Regolamento, di escludere tutte le ricette della tradizione per lasciare spazio solo alla creatività, abbiamo chiesto di proporre tre piatti, antipasto, primo e secondo, di cui due con stoccafisso e uno con baccalà salato. Sono certo che anche le ricette presentate durante questa manifestazione daranno grandi soddisfazioni a tutti in termini di fantasia, ricerca e sperimentazione».
«Il Festival Triveneto del Baccalà - Trofeo Tagliapietra si conferma una competizione culinaria di successo. Questo ci rende molto orgogliosi e ci fa capire che siamo sulla buona strada: lo stoccafisso e il baccalà salato
sono due prodotti eccezionali, che pur appartenendo alla tradizione offrono delle grandissime potenzialità di nuove interpretazioni», sottolinea Daniele Tagliapietra, Ad dell’omonima azienda di Mestre.
 

Salva

Salva

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.