cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Ricetta creata in esclusiva per qbquantobasta - clicca qui per scoprire altre ricette

Crostata di fichi al profumo di rosmarino

Crostata di fichi e miele con aghi di rosmarinoCrostata di fichi e miele con aghi di rosmarino

 

L'ultimo momento buono per gustare i fichi è alla fine dell’estate, proprio all’inizio di settembre, mese in cui si passa da proposte ortofrutticole prettamente estive a quelle più “di terra” e autunnali. Il fico ha una storia plurimillenaria e secondo l’Antico Testamento non era la mela il frutto proibito, ma proprio il fico… Fra l’altro simbolo di fertilità insieme alla vite. Ai tempi della Grecia classica i frutti di quest’albero venivano considerati “degni di nutrire oratori e filosofi”. Fin dall’antichità si studiarono le sue molteplici benefiche preprogative: dalla fortificazione del corpo per i ragazzi, alla fertilità delle giovani donne, dall’uso del suo lattice contenuto nei rami per cagliare il latte al decotto contro bronchiti, raffreddori e … stitichezza. La convinzione che il fico fosse un eccitante erotico venne ribadita dalla Scuola Medica Salernitana: con la celebre frase veneremque vocat, sed cuilibet obstat...

Questa ricetta ha avuto l'onore della copertina del numero di settembre 2018 sul mensile cartaceo qbquantobasta. 


Ingredienti
Per la frolla:
* 200 g di farina di farro
* 100 g di burro
* 80 g di zucchero
* 1 cucchiaino di lievito per dolci
* 1 uovo
* 1 pizzico di sale


Per il ripieno:
* 600 g di ricotta ben sgocciolata
* 2 uova
* 100 g di zucchero
* 2 cucchiai di rosmarino tritato +
* qualche ago per la decorazione.
* 2 cucchiai di vino dolce
* un pizzico di vaniglia
* la scorza di un limone non trattato
* 6 – 7 fichi freschi
* miele q.b.
Preparazione


1. Preparate la frolla: versate in un mixer o in un robot da cucina capiente dotato di lame la farina di farro, il lievito, lo zucchero, il sale e il burro freddo a dadini.

2. Frullate il tutto.

3. Aggiungete quindi l’uovo e frullate fino a quando avrete ottenuto un impasto omogeneo. Così facendo in pochi secondi avrete ottenuto la frolla senza scaldarla troppo con le mani.

4. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.

5. A parte, sbattete le uova per il ripieno assieme allo zucchero.

6. Unite il vino dolce, il rosmarino tritato, la vaniglia, la scorza di limone e la ricotta setacciata con uno schiacciapatate, in modo che non crei grumi. Mescolate bene il tutto e mettete da parte.

7. Scaldate il forno ventilato a 180° C. 8. Infarinate il piano di lavoro e stendete la frolla.

8. . Rivestite uno stampo per crostata da 24 – 26 cm medio- alto. Versate il ripieno, distribuendolo con una spatola. Ripiegate i bordi e infornate. Cuocete la crostata per 30 – 40 minuti, poi fatela raffreddare a temperatura ambiente.

9. Riponetela in frigo per almeno 4 ore.

10. Estraete la crostata dal forno e decoratela con fettine di fichi freschi, aghi di rosmarino e un filo di miele millefiori. Servitela subito. Si conserva in frigorifero per almeno 4 giorni.

Informazioni