cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Živijo 2° Memorial Stanko Radikon

20 dicembre 2017.  E' “Živijo” a Oslavia nel Collio goriziano. Živijo. Parola slovena che indica un augurio alla vita. Usata nel quotidiano come saluto, viene solitamente pronunciata nei momenti di gioia alzando i calici di vino. Salute, lunga vita! 

Siamo  al 2° Memorial in onore di Stanko Radikon che in questa giornata avrebbe compiuto gli anni e come sempre avrebbe festeggiato la ricorrenza con un calice di vino insieme a tanti amici e colleghi vignaioli. 

Con quel vino che lui ha tanto amato e per il quale si è tanto sacrificato; che è stato la sua vita; passione e amore trasmessi a suo figlio Saša. A Oslavia il 20 dicembre è stata una grande festa, con tanta partecipazione di amici e vignaioli, con molte persone venute anche da fuori regione per onorare questa data. Erano presenti non solo le cantine dell’Associazione Produttori Ribolla Oslavia ma anche produttori da tutta Italia e dalla Slovenia.

Azienda agricola Altura (isola del Giglio - Toscana), Paolo Bea (Montefalco - Umbria), Bressan Mastri Vinai, Casa Coste Piane (Valdobiadene-Veneto), Campi di Fonterenza (Siena - Toscana), Cerruti (Piemonte), Clai (Croazia),

Cos (Vittoria - Sicilia), Čotar (Slovenia), Damijan Podversic, Dettori (Sardegna), Fiegl, Gravner, Il Carpino, Kante, Klinec (Slovenia), La Biancara (Gambellara - Veneto), La Stoppa (Piacenza - Emilia), La Castellada, 

Le Boncie (Toscana), Mečnik (Slovenia), Montesecondo (Toscana), Movia (Slovenia), Occhipinti Arianna (Sicilia), Paraschos, Prinčič, Primosic, Radikon, Rinaldi (Barolo - Piemente), Ronco Severo, Simčič Marjan (Slovenia), Skerlj, Svetlik (Slovenia), Terpin, Trinchero / Piemonte), Vodopivec, Zidarich.

Alcuni ristoratori erano presenti con le loro prelibatezze: Da Nando, Devetak, Hiša Franco, La Subida, Rosenbar, Artigiani del gusto Ciro, D’Osvaldo, Liola Caffè, Novak, Maritani e Antonella Varotto maitre chocolatier.

Da segnalare una degustazione dei Merlot 1990-1997-1998-1999-2001 di Radikon Wines condotta da SandroSangiorgi.L’incasso dell’evento, che va in beneficenza, quest'anno sarà devoluto all’Ospedale Infantile Burlo Garofalo di Trieste. 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.