cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Doc transfrontaliera si allarga alla Ribolla gialla?

Shaurli e GabrovecShaurli e Gabrovec

Ricordate il film "Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi"? Possiamo parafrasarne il titolo con "Vignaioli, ci si stanno restringendo i confini". La cosiddetta querelle del Terrano- Teranum, sembra brillantemente e rapidamente risolta con la proposizione della Doc transfrontaliera. Una Doc che ora potrebbe ampliarsi a contenere altre vitigni. L'assessore regionale all'Agricoltura Cristiano Shaurli e il ministro e vicepremier sloveno Dejan Židan, insieme a Tania Strinsa, Ingrid Sergas, una delegazione regionale della Kmecka zveza/alleanza contadina e Igor Gabrovec, vicepresidente del consiglio regionale FVG (nella foto in alto con l'assessore Shaurli),  si sono incontrati il 15 aprile 2016 a Oslavia. Precisiamo, si sono incontrati a Oslavia in località Lenzuolo bianco. Cioè nell'azienda agricola Gravner. A metà maggio il disciplinare che unisce i produttori sloveni e italiani sul confine dovrebbe essere sui tavoli dei Ministeri dell'agricoltura italiano e sloveno.

Shaurli e Zidan, credit foto Ansa Shaurli e Zidan, credit foto Ansa

E nel frattempo nell'incontro Shaurli e Zidan hanno approfondito anche le possibilità di ampliare la Doc transnazionale alla Ribolla Gialla, nell'ottica più generale di fare diventare il Collio-Brda Patrimonio Unesco. Grandi progetti quindi, in attesa che si rinnovi anche il protocollo interregionale sul Prosecco scaduto da qualche settimana purtroppo senza esiti positivi per i viticoltori del Carso triestino. per quanto riguarda per esempio il recupero dei terrazzamenti del costone carsico.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.