cibo, vino e quantobasta per essere felici

Tra il Muto e la Barcolana i vini delle donne

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Due gli eventi ottobrini ai quali le wine ladies saranno presenti: Le Giornate del Cinema Muto a Pordenone e la Barcolana a Trieste. Grazie all’importante accordo con gli organizzatori, le proiezioni del Festival del Cinema Muto saranno intervallate dalla frizzante presenza delle Donne del Vino. A partire dall’inaugurazione del 6 ottobre con il rituale brindisi cui seguiranno altri momenti

 

degustativi nel corso della settimana. È una collaborazione - ha dichiarato Max Maestroni coordinatore del Festival - che ci auguriamo possa continuare anche in futuro con i Festival più importanti in Regione. Tra un film e l’altro si affiancheranno le visite guidate e i mini-aperitivi sempre ideati dall’Associazione. A giorni alterni al Chiostro della Biblioteca Civica si potrà approfondire la conoscenza del vino con il sorriso delle produttrici e sommelier. Visite guidate, curate nei contenuti da Itineraria, si snoderanno tra le vie del centro città con un calice di saluto al termine di ogni tour.

A Trieste le Donne del Vino FVG saranno presenti con un evento inaugurale dedicato in esclusiva alla stampa italiana ed estera ospite alla 44esima edizione della Barcolana. Una presenza importante per diffondere attraverso i media l’immagine di un mondo del vino in rosa entusiasta e frizzante come solo il Friuli Venezia Giulia sa offrire. Grandi eventi quindi sono quelli che l’Associazione ha voluto per iniziare l’autunno.

Già a settembre, del resto a PordenoneLegge le Wine Ladies sono state coinvolte in una insolita presentazione: un prezioso book fotografico dal titolo “Emozioni” realizzato dall’obiettivo sensibile di Elena Barbini, nientepopodimenoche sui momenti del rugby, uno sport che più maschile di così! Se gli inizi sono questi, osiamo pensare che l’inverno delle Donne del Vino non sarà certo freddo e solitario, ma molto, molto… caldo. Quindi, amici di q.b. stay tuned!


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.