cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Sette i vini del Friuli Venezia Giulia nella classifica Top 50 Biwa

Pubblicata on line la classifica dei 50 migliori vini italiani secondo il Biwa. Brunello di Montalcino 2010 dell’azienda agricola Casanova di Neri al primo posto,  Furore Bianco Fiorduva 2014 delle Cantine Marisa Cuomo al secondo, Sassicaia 2013 della Tenuta San Guido Bolgheri terzo classificato. QUI la classifica completa.

Sette i vini del Friuli Venezia Giulia entrati nella selettiva classifica del Best italian wine awards: sono prodotti da Podversic, Skerk, Zidarich, Gravner, Jermann, Livio Felluga e i Clivi. Al settimo posto Bianco Kaplja 2012 di Damijan Podversic. Al tredicesimo posto la Malvasia 2013 di Skerk: «La macerazione sulle bucce non è solo uno stile produttivo, ma un metodo per esprimere al meglio la complessità di un vitigno, che qui sa di agrumi, pesca sciroppata, iodio e mandorla» è il commento tecnico dei giurati. Ventitreesimo posto per la Vitovska Kamen 2014 di Zidarich, vinificata in tini di pietra. Leggi anche I tini di pietra per la Vitovska di Zidarich.

Si classifica al 24esimo posto ill Bianco Breg 2008 di Gravner: «Se lo vedete ambrato sappiate che il colore è giusto, sotolinea la giuria internazionale (nella foto) composta da giornalisti, critici ed esperti. Profumi intriganti e insoliti, ma al tempo stesso coerenti con lo stile che il produttore ha scelto per il suo vino. In bocca noce, sale, cedro, thè, erbe aromatiche e camomilla». Al numero 29 Vintage Tunina 2014 di Jermann. Al numero 38 Rosazzo Terre Alte 201 di Livio Felluga.

Leggi anche BIWA 2016 Grandi giudici, grandi produttori, grande atmosfera

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)