cibo, vino e quantobasta per essere felici

Pesce da vallicoltura e nuova molluschicoltura

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Nella Laguna di Marano e Grado e nel mare del Friuli Venezia Giulia si producono sia pesci attraverso la vallicoltura  sia molluschi con tecniche innovative di molluschicoltura. Nella valli da pesca si allevano prevalentemente l’orata, il branzino, i cefali, mentre per quanto riguarda i molluschi questi si declinano negli allevamenti della vongola verace su fondali lagunari naturali in coltivazioni sostenibili e certificate riconosciute come Modello Marano, negli allevamenti di mitili che si snodano lungo la costiera triestina e nella pesca con turbosoffianti principalmente di fasolari, vongole e cappelunghe nei banchi sabbiosi marini. Una peculiarità: sia i molluschi allevati sia quelli pescati utilizzano esclusivamente l’alimento (fitoplancton) presente nell’ambiente, trattasi quindi di attività altamente compatibili con i cicli della natura. Inoltre i rigidi controlli messi in atto dalle autorità sanitarie e dagli autocontrolli da parte degli operatori ne garantiscono sia la qualità che la salubrità.
Il fatto che le valli da pesca siano separate da recinzioni/argini/chiaviche fisse, le protegge dall’alternanza del flusso e riflusso della marea dando la possibilità all’uomo di avere un miglior controllo sulla gestione delle acque e sull’ambiente. I fondali poco profondi favoriscono l’evaporazione e garantiscono un’alta concentrazione di salinità compensata dall’apporto, a volte anche considerevole, delle acque fluviali. Tali condizioni determinano una notevole produzione di fitoplancton, prezioso nutrimento naturale che, assieme a stretti e coscienziosi sistemi di produzione e di controllo, garantisce prodotti ittici d’acqua dolce e di acque salmastre di altissima qualità in ambienti ben lontani da essere definiti “sporchi” o “inquinati. Con Alessandra e lo staff del Ristorante AL PORTONAT abbiamo pensato di preparare una serata di rilassato studio in occasione del primo giorno di Aprile.
L’abbiamo intitolata PESCE D’APRILE: la sfida delle acque friulane
L’idea è quella di mettere a confronto alcune delle tipicità ittiche di acqua dolce e di acqua salata nel tentativo di far apprezzare e conoscere alcuni aspetti delle eccellenze friulane.
Friultrota, Almar e Valle Marini si confronteranno dando ampia disponibilità alla cucina de AL PORTONAT di preparare con i loro prodotti il menù da gustare in massima tranquillità e in amicizia.
Il canovaccio è già stato abbozzato e ve ne diamo visione, avvisando che è potrebbe subire anche delle variazioni in relazione alle condizioni meteo ed alla disponibilità delle fresche materie prime.

Benvenuto:   con uova di trota e panna acida e tartine di acciughe sott’olio
Antipasto: con cus cus di tartare di Regina ed avocado e vongole al salto
e si prosegue con roselline di Regina e saltata di Peoci
Primo: Lasagnette con trota ed asparagi vs risotto ai frutti da mare (vongole, lupini e fasolari)
Secondo: filetto DE PESSE STRANBO ovvero DE PES STRAMP contornato da
verdure arlecchine Sorbetto allo Zenzero e Lime

e… finalmente per mettere fine alla disputa se è meglio il pesce di mare o quello di fiume concluderemo con il Piatto della PACE
Per le bevande, viene lasciata a ciascuno la possibilità di ordinarle a parte secondo i propri gusti.
                    


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.