cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Kirchtagssuppe, la vellutata profumata per i giorni di festa

Arriva da Tarvisio una nuova ricetta Radio Chef, la fortunata trasmissione radiofonica di Radio Punto Zero. A inviarla è stata Rosa del bar ristorante Nabucco. Si tratta di una pietanza caratteristica che a Tarvisio arriva sicuramente dalla Carinzia: il nome del piatto è Kirchtagssuppe, cioè minestra dei giorni di festa.

Ingredienti:

  • Carne di manzo
  • Carne di gallina
  • Pochissima carne di pecora
  • Ossa di manzo e ossa di ginocchio di maiale
  • Cipolla, carote, sedano, topinambur, chiodi di garofano, anice stellato, stecca di cannella, buccia di limone, sale e pepe.

Con questi ingredienti fare un brodo, cucinare almeno 3 ore, poi filtrare.

Seconda parte della preparazione

Ingredienti:

Per circa 5 litri di brodo filtrato servono

  • 500 panna fresca
  • 250 panna acida
  • 5 rossi uovo
  • 2 buste di zafferano

Dopo aver tagliato a pezzettini tutte le carni bollite rimettetele nel brodo filtrato caldissimo ma non in ebollizione, unite la seconda parte degli ingredienti: attenzione a non bollire altrimenti la minestra si strappa.
Servire la minestra caldissima con dei crostini di pane passati al forno o saltati in padella con un po’ di burro.
Deve risulta quasi una crema. Profumatissima e molto strutturata,  è quasi un piatto unico.

La foto è di repertorio presa da internet.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.