cibo, vino e quantobasta per essere felici

Funghi cremini e pesche

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

funghi e peschefunghi e pesche

I cremini sono una variante dei funghi prataioli, più conosciuti come champignons, che in questa ricetta abbiamo abbinato alle pesche. Un  piatto perfetto per segnare l'incontro di due stagioni.  Sì, avete capito bene! Frutta e funghi insieme, ma non lasciatevi intimidire! L’abbinata è tutt’altro che azzardata e ve ne convincerete assaggiandoli. Le incisioni sulle cappelle dei funghi cremini consentono agli aromi e al sapore dell’olio e delle pesche di penetrare in profondità e di rendere ancora più rotondo il sapore di questa nostra specialità. La ricetta dei funghi cremini con le pesche ci dimostra che possiamo mangiare benissimo, con gusto e soddisfazione,
anche pietanze semplici e leggere. Questa preparazione è ottimizzata per le principali intolleranze al lattosio e al glutine, quindi potremo servirla e apprezzarla tutti senza pensieri o preoccupazioni.  In più il profumo di pimento e menta completa il bouquet di sapori di questo piatto con un’ondata di freschezza aromatica. La ricetta è tratta dal mio blog nonnapaperina.it 

 

Funghi cremini con le pesche

 

Ingredienti per 4 persone


* 300 g di funghi cremini
* 200 g di pesche
* 1 mazzetto di menta
* q. b. di pimento
* 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
* q. b. di sale.


Preparazione

  1. Pulite e spazzolate delicatamente i funghi. Evitate di lavarli con l’acqua ma assicuratevi di rimuovere tutte le tracce di terra.
  2. Estraete i gambi e rigate le cappellette dei cremini con un coltellino.
  3. In una padella con un giro d’olio, saltate le cappelle rigate.
  4. Nel frattempo lavate le pesche con abbondante acqua corrente. Asciugatele  e tagliatele a spicchi.
  5. Mettetele direttamente nella padella con i funghi con un po’ di sale e pimento.
  6. Sciacquate la menta sotto l’acqua, asciugatela, tritatela e usatela per cospargere i funghi.
  7. Impiattate e servite finché sono ancora caldi. 
    |

Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.