cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.


La verticale sensoriale

degustazione a occhi bendatidegustazione a occhi bendati

Degustare un vino a occhi bendati e contemporaneamente assaggiare due formaggi di diverse annate complica notevolmente le idee: un vino bianco di 19 anni (macerato) viene giudicato dai più come un rosso d’annata. E’ quanto ho potuto sperimentare insieme ai partecipanti a "La Verticale sensoriale” che ha avuto per protagonisti i formaggi della Fattoria Gortani presentati da Michele Gortani e i vini dell’azienda Ronco Severo, di Prepotto, illustrati da Stefano Novello. A guidare la degustazione è stata la percettologa Giuliana Gellini, che ha saputo rendere più coinvolgente l’analisi emotiva/percettiva.

La gustosa esperienza si è svolta all’interno della gastronomia Da Luciano, in via Deciani a Udine, nell’ambito delle iniziative organizzate per #EinProsit e a fare gli onori di casa è stato Marco Gallina, che ha dimostrato ancora una volta il suo grande fiuto nel proporre specialità enogastronomiche di elevatissima qualità. Sono stati assaggiati formaggi da spalmare, e altri della medesima annata, a loro volta prodotti da mucche nutrite a fieno, edaltri prodotti in alpeggio (i Gortani ogni estate portano i loro animali in quota , gestendo le malghe e l’agriturismo Monte Zoncolan). Stefano Novello ha portato in degustazione tre tipi di Friulano uno del 2015 (imbottigliato solo due mesi fa), un 2008 e una bottiglia davvero speciale: un friulano macerato del 2000. Per i vini rossi la comparazione è stata tra uno Schioppettino 2015 e un Refosco 2017.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.