cibo, vino e quantobasta per essere felici

Pescare il passato in laguna

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Si concludono a Marano gli interessanti appuntamenti con le conferenze di approfondimento sul recupero la salvaguardia le scoperte dei beni archeologici sommersi nella laguna di Marano e Grado. Venerdì 27 aprile  alle 17.00 alla Vecchia Pescheria a Marano Lagunare  Carlo Beltrame (Università Ca’ Foscari Venezia) parlerà de La storia dalle reti. Lo studio del relitto di età napoleonica Mercurio, una straordinaria e quasi incredibile scoperta dei pescatori maranesi.  Nel 2001, al largo di Punta Tagliamento, il peschereccio Albatros di Marano “pescò” un cannone di ferro ricoperto da concrezioni. Così ebbe inizio un’importantissima avventura archeologica: l’indagine del relitto Mercurio, il brigantino della flotta italo-francese di Napoleone colato a picco nella notte tra il 21 e il 22 febbraio 1812 sotto i colpi di artiglieria di navi della marina inglese. Un caso eccezionale, in cui l’archeologia ci svela lo scenario di un preciso evento della macrostoria.


Alle 18.00 seguirà l’incontro “Pescare” il passato Conversazione sul tema “Azioni e buone pratiche per il recupero e la salvaguardia dei beni archeologici sommersi”.
Intervengono:
- Cap. Lorenzo Pella (Comando Carabinieri Nucleo Tutela Patrimonio Culturale) - Illustrazione dei compiti e delle funzioni del Nucleo Carabinieri TPC
- Paola Ventura (Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia)
- Rita Auriemma (Ente Regionale per il Patrimonio Culturale)
- Carlo Beltrame (Università Ca’ Foscari Venezia)
- Giovanni Dean (FLAG GAC FVG)
Evento organizzato in collaborazione con il FLAG GAC del Friuli Venezia Giulia e con Alessandra Milocco
Le nostre lagune e il nostro mare sono ricchi di storia e di archeologia. Spesso i pescatori e gli operatori del mare si imbattono in oggetti del passato che giacciono sui fondali da secoli o millenni. Ha senso recuperarli? Perché? E, nel caso, come fare e chi avvisare? Quali sono le buone pratiche da seguire? Che effetti potrebbe avere la scoperta? A queste e ad altre domande si cercherà di dare a risposta nell’evento a seguire, dedicato ad una conversazione sul tema “Azioni e buone pratiche per il recupero e la salvaguardia dei beni archeologici sommersi”, in cui interverranno i rappresentanti dei principali enti e istituzioni coinvolti nella ricerca, tutela e valorizzazione dei beni archeologici. Un dibattito aperto a tutti, in particolare a chi vive e opera quotidianamente in mare.

IL SENSO DELLA SCOPERTA. ARCHEOLOGIA SOMMERSA DEL NOSTRO MARE DALLA SCOPERTA ALLA VALORIZZAZIONE Marano Lagunare, Vecchia Pescheria
Iniziativa collaterale alla mostra Il senso della scoperta. Testimonianze archeologiche dal mare e dalla terra nella Laguna di Marano (Museo Archeologico della Laguna di Marano, 22 .12.207 – 01.05.2018)


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.