cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Intervista a Enzo Pontoni, azienda Miani

 

prima pagina dell'articolo-intervista pubblicato nel numero di dicembre 2017 di qbquantobasta

Il 9 giugno 2019 alla Fiera dei Vini di Buttrio tutto esaurito per il laboratorio di degustazione dei vini dell'azienda Miani. @qbquantobasta presente! #ociseioseguiqb. Intanto qui vi ricordiamo l'intervista che abbiamo realizzato e pubblicato nel dicembre 2017. 

PREMESSA l'azienda

AZ. AGR. MIANI DI PONTONI ENZO Via Peruzzi, 10 - Buttrio (UD) L’azienda porta il cognome di mamma Edda e ha una superficie di circa 20 ettari dislocati fra Buttrio, Rosazzo e Corno di Rosazzo. I vitigni: friulano, ribolla, chardonnay, sauvignon, merlot, cabernet franc, cabernet sauvignon, refosco dal peduncolo rosso. Le uve di ogni vigneto vengono vinificate separatamente. Ogni vino viene così identificato anche con il nome del vigneto stesso. L'obiettivo è puntare su Ribolla, Malvasia e Refosco che "rappresentano la nostra specialità", come mi ha detto Enzo Pontoni.  

La prima volta che ebbi il privilegio di degustare il vino di Enzo Pontoni fu a Lavariano al ristorante “Da Blasùt” o “Gnam gnam”. Erano gli anni ’90 e potete capire quanto tempo è passato! Anche per gli amanti del vino era
difficile al tempo associare l’azienda Miani a Enzo Pontoni, che in quel periodo lavorava presso un’azienda meccanica locale. Varie circostanze lo portarono in seguito a dedicarsi a tempo pieno alla produzione di quelle bottiglie che attirarono l’attenzione e l’ammirazione della stampa specialistica: inserite nelle guide più prestigiose con i massimi riconoscimenti fino ad arrivare al Gotha del vino italiano e mondiale. Tutto ciò mentre Enzo proseguiva senza distrazioni nel suo lavoro di studio, di raccolta dati e di sperimentazione, in controcorrente rispetto alle  alle prassi consuete, vinificando in una cantina che era in pratica un piccolo spazio sotto casa. Ricordo la cura con cui conservava le schede dove annotava a mano informazioni e risultati.    PUOI ACQUISTARE AL LINK  https://qbquantobasta.it/shop LA COPIA DIGITALE DEL NUMERO DI DICEMBRE 2017

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni