cibo, vino e quantobasta per essere felici

Vinakras Sežana cantina da scoprire

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Cantina sociale Vinakras (Sejmiška pot 1a, 6210 Sežana, Slovenija). Con una produzione di un milione di litri, la cantina si attesta tra le più grandi realtà vitivinicole della Slovenia, un punto di riferimento per i piccoli viticoltori del Kras-Carso del distretto della Primorska. 

E’ l’enologa Nika Gregorič, entrata a far parte dello staff dal 2017, a dare il benvenuto ai wine lovers che partecipano alla visita organizzata da Onav Trieste, con un brindisi, stappando un metodo classico di Vitovska 2014, in parte vinificata in legno e con l’aggiunta di liqueur che dona una particolare morbidezza e piacevolezza. Una assoluta novità. 

vinakras unovinakras unoImmersi nel profumo di mosto, sprigionato dalle vinificazioni in atto, Nika ci porta nel piazzale principale davanti agli altissimi vinificatori (Gimar da 60 e 30 mila kg) dove le uve appena raccolte rimangono per alcuni giorni aduna temperatura controllata di 30°- L'obiettivo è di fissare il colore ed equilibrare i tannini che non devono essere sgraziati. Per aiutare questo processo si ricorre a delle iniezioni di ossigeno che hanno lo scopo di mantenere il colore legandolo ai tannini. L’obiettivo è quello di uscire già a gennaio con il vino nuovo con una buona bevibilità e con il Terrano questa non è sempre cosa facile.

L’enologa ci spiega che l’80% della produzione è fatta di solo Terrano mentre il rimanente 15-20% di uve bianche, in prevalenza autoctone come Vitovska e Malvasia e in parte Chardonnay e Sauvignon come vitigni internazionali. I vigneti si sviluppano su a superficie di 50 ettari di proprietà e altrettanti dei vari singoli conferitori. Una particolarità della Slovenia è che molti vigneti sono di proprietà dello stato e vengono dati in affitto per 30 anni.

La zona di coltivazione del Terrano - nome che deriva da terra, terreno, in questo caso terra rossa perchè ricca di minerali di ferro - in slovenia si trova tra Castagnevizza del Carso, Comeno e Sesana (zona centrale del distretto Primorska).  Da quest’anno Vinakras non uscirà più con il Terrano sfuso o in fusti ma solo in bottiglia: una scelta coraggiosa ma ritenuta necessaria per dare più valore al vitigno principe del Carso che ne identifica il territorio.

La cantina sociale vuole diventare un esempio per tutti i produttori del distretto vitivinicolo affinché si innalzi la qualità del prodotto facendolo riconoscere nel mondo come una eccellenza. La finalità ultima ovviamente è quella di convincere i piccoli produttori/conferitori che portando la pianta a una resa minore si innalza la qualità così da ottenere anche un prezzo maggiore delle uve. 

 In questa direzione si muove anche Agrotur, un progetto transfrontaliero che valorizza il Carso, come ci sottolinea Nika che ne fa parte e si presta a monitorare la qualità delle uve e a eseguire la campionatura degli acini per stabilire la maturità fenolica.

 Passaggio veloce dei winelover nel capannone dei vini bianchi in fermentazione e accediamo alle sale dei legni: la “Teranton” e la “Prestige”.  Nella prima balza subito agli occhi la lunga parete dove sono fissate le doghe recuperate dalle botti e con la retroilluminazione regalano un’atmosfera suggestiva. Qui troviamo botti grandi di rovere, dove il Terrano si affina per cinque anni, e la scelta del nome di fantasia Teranton è dovuto al fatto che il disciplinare di anni per il Terrano ne prevede solamente tre. Si scende di alcuni gradini dove sono disposte un centinaio di barrique per l’affinamento della linea Prestige e, oltre al Terrano, troviamo anche  la Vitovska e la Malvasia. Il 10% della produzione, vini ottenuti dai migliori cru, con bassa resa e uve selezionate, dove il lungo affinamento in legno dà una sua impronta, molto apprezzata dal mercato estero.

La degustazione (che prevedeva solo vini premiati o in concorsi nazionali sloveni o internazionali

VITOVSKA “Prestige” 2015 (13,5°) e MALVASIA “Prestige” 2013 (14°), entrambe da uve selezionate, 14 gg di macerazione, l’80% matura in barrique e tonneau per 18-24 mesi e 6 mesi di bottiglia. Una Vitovska non fresca, diversa da come viene comunemente interpretata, a mio avviso il legno è troppo presente e ne stravolge le sue caratteristiche tipiche. Nella Malvasiainvece  il legno non è invasivo, è ben integrato, l’ho trovata complessa con un bouquet di agrumi, fiori bianchi e zagara. Un vino ben strutturato ed equilibrato, l’acidità e la sapidità risultano ben bilanciate.
IZBRANI TERAN 2017 (12,5°): macerato per 7gg  e affinato in vasche d’acciaio, con un 15% passato in legno. Un Terrano giovane e fresco di uso quotidiano, dal caratteristico colore violaceo, sentori fruttati di lampone e frutti neri. Una vera espressione del Carso.


TERAN “Prestige” 2015 (12°) prodotto da uve selezionate di qualità superiore e con un grado zuccherino più alto (90 brix), macera per 14 gg per poi maturare l’80% in botti di rovere (225 lt e 500 lt) per 18 mesi e poi in bottiglia per 6 mesi. Un prodotto diverso dal precedente, dal colore rosso rubino intenso con lievi sfumature di viola. La maturazione in barrique lo rende più complesso con un bouquet più ampio di frutta rossa matura, more e piccoli frutti di bosco.

Rdeči Cuvée “Prestige” 2013 (13,5°) da uve Merlot, Cabernet Sauvignon e Refosco, due settimane di macerazione, maturato per due anni e mezzo in botti di origine americana e francese, per altri 6 mesi in bottiglia. Si caratterizza per i profumi di prugna secca, ciliegia e del mirtillo rosso. Lasciandolo un po’ nel bicchiere sviluppa aromi terziari, come caffè e tabacco. Un vino corposo con un lungo finale di tannini vellutati.

Mi aspettavo, ben volentieri, di ri-assaggiare il TERANTON un gran vino che esce solo nelle annate migliori. Per fortuna ho ancora un paio di bottiglie nella mia cantina... E' una combinazione di uve Refosco provenienti dai vari cru ad altitudini diverse, tra i 50 a i 300 m.s.l.m.. Un mese di macerazione seguita da una fermentazione a freddo, per poi affinarsi per 4 anni in grandi botti di rovere e per altri 6 mesi in bottiglia. Un vino complesso e potente con un aroma di more e amarene, cioccolato fondente e spezie. I tannini sono vellutati e dalla lunga persistenza. Un vino da abbinare con carni importanti. Vi segnalo anche il TERANOV LIKER, liquore di Terrano, una vera delizia per il palato, adatto per concludere una cena nel migliore dei modi, magari abbinato a un pezzo di cioccolato fondente al posto del dessert. 

 

 

 

 

 

 

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.