cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

I muri merlati della pedemontana friulana

Muro merlato a Osoppo - foto di Graziano SoravitoMuro merlato a Osoppo - foto di Graziano Soravito

 

I muri merlati si diffusero nella fascia pedemontana e collinare friulana tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800, nel momento del passaggio dalla Repubblica Veneta all’Impero Asburgico, quando la cessione delle terre da parte dei nobili e la vendita di proprietà comunali ai privati determinarono la parcellizzazione fondiaria con la presenza di numerosi appezzamenti da confinare. I terreni coltivabili della piana di Osoppo finirono in mano a pochi possidenti, che vollero proteggerli erigendo recinzioni fornite di merlature. Questa tipologia di opere consentiva di risparmiare sul materiale rispetto alla costruzione del muro pieno e poteva svolgere varie funzioni, oltre a difendere la proprietà: evitava l’erosione e il dilavamento del terreno, riparava dal vento, sosteneva le viti. La campagna venne tutta suddivisa in poderi chiusi (braide), che limitarono l’orizzonte visivo e produssero un paesaggio nuovo e articolato. I muri erano costruiti con blocchi di conglomerato di cave locali e ciottoli di dolomia e arenaria provenienti dal Tagliamento. Premessa necessaria a spiegare il successo della mostra Muri e cantieri che diventa itinerante. 

Dopo l’allestimento di Palazzo Elti a Gemona, l’esposizione verrà ospitata dal Comune di Osoppo nelle sale dell’Ufficio IAT, in piazza Napoleone. La mostra sarà inaugurata sabato 1° febbraio alle 18.30 con bicchierata e degustazione di cjanorie (vitigno coltivato nella zona che cresceva sostenuto dalla merlature dei muri), e resterà aperta fino all’8 marzo il venerdì e sabato dalle 16 alle 19, domenica dalle 10 alle 15. #èbelloedègratis

Protagonisti della mostra sono i muri in pietra del Gemonese, fotografati da Graziano Soravito. Vi vengono documentati i manufatti più rappresentativi, quelli che attestano una cultura secolare che ha fatto uso dalle risorse naturali locali e prodotto espressioni formali strettamente legate al contesto geografico di riferimento, come i muri merlati sul territorio di Osoppo. Le immagini riguardano anche i cantieri del paesaggio che permettono di tramandare un’arte antica - patrimonio immateriale dell’umanità - e di restituire al territorio una parte della sua storia.

 

 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)