cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

BUY FVG, la Borsa del turismo in Friuli Venezia Giulia

Centoventi tour operator e venti giornalisti saranno i protagonisti di BUY Friuli Venezia Giulia, la Borsa del turismo regionale organizzata da PromoTurismoFVG che si svolgerà dall'8 al 12 giugno 2016. Protagonista assoluto sarà il territorio: il mare, le colline, la montagna, i sapori, la cultura del Friuli Venezia Giulia, in questi cinque giorni densi di appuntamenti e iniziative si metteranno in mostra e daranno il meglio di sé. Oltre ai tour operator, saranno in regione Cral (circoli ricreativi aziendali) e PCO, professionisti organizzatori di congressi. L’evento è giunto alla quinta edizione e ritorna, dopo alcuni anni di assenza, a grande richiesta dei seller regionali che ne riconoscono l'efficacia come vetrina i loro prodotti turistici.
“La Borsa del turismo – dichiara il Direttore di PromoTurismoFVG Marco Tullio Petrangelo – rappresenta il momento centrale delle iniziative di promo-commercializzazione della destinazione Friuli Venezia Giulia del 2016. I risultati saldamente positivi in termini di arrivi e presenze sono il frutto di una strategia efficace sul piano del marketing e del coinvolgimento attivo degli operatori nelle attività promozionali che intraprendiamo. Con questo evento intendiamo presentare la regione tutta insieme, con effetto realmente di grande impatto sugli operatori che comprano la destinazione regionale ”.

Il BUY ospiterà professionisti del turismo provenienti da 21 paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Ungheria. I giornalisti delle riviste specializzate, invece, sono italiani, polacchi, austriaci, cechi, ungheresi, inglesi e russi.

La giornata chiave sarà l’11 giugno quando, alla Stazione Marittima di Trieste, si terrà la giornata B2B, cioè il workshop durante il quale gli operatori regionali incontreranno i tour operator internazionali per promuovere e commercializzare il loro prodotto turistico. Grazie al lavoro costante di PromoTurismoFVG, l’unico ente regionale in Italia ad avere un settore dedicato esclusivamente al B2B, al supporto dei tour operator, è stato possibile coinvolgere per questo evento organizzatori di viaggio internazionali di altissimo livello.

Gli itinerari tematici sono stati studiati in modo da dare una visione esaustiva di tutto il territorio e delle sensazioni che è in grado di trasmettere ai visitatori. Proposti mesi fa ai partecipanti, sono stati scelti sulla base degli interessi che loro stessi hanno manifestato nei confronti di ogni percorso esperienziale che è stato loro prospettato. I tour del BUY toccheranno oltre 50 località: uno degli obiettivi dell’evento infatti è quello di far conoscere la nostra regione  anche al di là delle destinazioni più frequentate dai flussi turistici.
Professionisti e tour operator potranno così passare da un tour in bicicletta a Lignano o sulla celebre ciclovia Alpe Adria a un’esperienza in barca alle foci del fiume Stella, dalla visita alle forre del Cellina al dog trekking sui laghi di Fusine, dalla mostra fotografica di Steve McCurry a Pordenone, alla visita di palazzo Coronini Cronberg a Gorizia o al castello di Miramare, dalla degustazione della trota di San Daniele, alla visita di diverse e prestigiose cantine regionali.
Il tutto ospitati in strutture alberghiere rappresentative dell’offerta regionale e nei ristoranti che serviranno i piatti della tradizione e i migliori vini del territorio.
L’obiettivo è quella di far conoscere – e “vendere” - l’unicità del Friuli Venezia Giulia.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)