cibo, vino e quantobasta per essere felici

Gamay del Trasimeno protagonista

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Il 7 dicembre 2017 il Consorzio Tutela Vini Trasimeno ha presentato l’autoctono Gamay del Trasimeno e i vitigni Tai Rosso, Cannonau e Granaccia, tutti appartenenti alla famiglia del Grenache. Al Palazzo della Corgna di Castiglione del Lago (Perugia) s' è svolta infatti la prima edizione di Grenache Italia. La giornata è stata dedicata al Grenache e alle sue diverse declinazioni, con particolare attenzione al rapporto tra la geomorfologia dell'area del Trasimeno e il Grenache nella variante locale, il Gamay. Il vitigno, da non confondere con quello coltivato in Francia nel Beaujolais, è imparentato alla Garnacha spagnola, o Grenache, in francese. La sua presenza in quest’area si fa risalire al XVII secolo, dopo il matrimonio di Fulvio Alessandro della Corgna con Eleonora de Mendoza. Il progetto che si propone il Consorzio Colli del Trasimeno è quello di riscoprire questo vitigno e farlo diventare un’eccellenza, il portabandiera tra i vini del territorio. Previste anche modifiche al disciplinare di produzione per Gamay a base rossa e rosata. 

Grenache Italia ha avuto inizio con un convegno, moderato dal giornalista Jacopo Cossater;  nel primo pomeriggio si sono svolte le masterclass dedicata ai Grenache d’Italia, presentati da produttori provenienti da diverse aree della penisola, il Tai Rosso dei Colli Berici presentato da Giovanni Ponchia (Direttore del Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza), il Cannonau sardo presentato da Mariano Murru (enologo delle Cantine Argiolas), la Granaccia della Liguria presentata da Enzo Giorgi (sommelier AIS e ONAV - Organizzazione Nazionale Assaggiatore Vini Associazione Nazionale Città del Vino) e il Gamay del Trasimeno presentato dall’enologo e consulente Lorenzo Landi.

A concludere, la degustazione di due Grenache francesi introdotti da Roger Torreilles e Yves Zier del Conseil Interprofessionnel des Vins du Roussillon. Alle 18.30 l'evento è stato aperto al pubblico con banco d’assaggio con i vini del Consorzio, abbinati a  salumi e formaggi tipici della zona e la Fagiolina del Trasimeno. Al termine dell'evento l'annuncio della candidatura del Consorzio ad ospitare, nel 2021, la nona edizione di Grenaches du Monde,
“Il nuovo tessuto imprenditoriale di quest’area - spiega Emanuele Bizzi, Presidente del Consorzio  – si sta decisamente orientando verso i vitigni tradizionali, come il Gamay del Trasimeno, che qui ha trovato un terroir ideale. La presentazione della candidatura per ospitare il Grenaches du Monde 2021 sottolinea quanto il Consorzio creda nel lavoro dei suoi soci e nelle potenzialità del suo territorio”.

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.