cibo, vino e quantobasta per essere felici

Workshop per costruire un muro a secco

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Si è svolto il 30 maggio 2015 presso il laghetto di Percedol sotto la guida di Aljoša Gregori dell'Amministrazione separata degli usi civici di Opicina, di Monika Milič dell'Associazione per la difesa di Opicina e di Vojko Ražem, del Partenariato per la conservazione e la divulgazione dell'edilizia carsica in pietra a secco un interessante workshop organizzato nell'ambito dell'Infiorata di Opicina per apprendere le tecniche costruttive di un muro a secco.
I muretti in pietra a secco rappresentano una delle principali caratteristiche architettoniche del Carso e sono frutto di una tecnica secolare che ormai sta scomparendo. Proprio per contribuire a tenerla viva, l'“Associazione per la difesa di Opicina - Združenje za zaščito Opčin”, che ha aderito ed è tra i fondatori del neocostituito Consorzio del Partenariato per la conservazione e la divulgazione dell’edilizia carsica in pietra a secco di Škocjan (SLO) (http://kraskagradnjanasuho.wix.com/suhozidnagradnja), nell'ambito dell'Infiorata di Opicina, ha organizzato il workshop che è stato condotto da uno dei massimi esperti in materia operanti sul Carso, Vojko Ražem.
muretti del carso muretti del carso
Ražem, dopo una breve introduzione sulle tecniche da intraprendere e sul lavoro da svolgere, ha condotto i partecipanti al muretto oggetto della ricostruzione,  caratterizzato da un cippo storico. Il lavoro consisteva nel radrizzare un muro in parte crollato. I 25 bambini che hanno collaborato alla ricostruzione del muro hanno avuto modo successivamente, guidati da Monika Milič, di seguire una breve descrizione del significato di queste costruzioni, immergendosi nel contesto e interpretando i loro apprendimenti.


"Lo faccio per hobby – ha spiegato Ražem -, ma ho già effettuato 32 ristrutturazioni di casette sul Carso: 25 solo a Basovizza e altre nei dintorni. Per fare questo lavoro ci vuole tanta passione: è un impegno fisico, a volte anche pesante. Nel corso dell'incontro, ho cercato di dimostrare quale sia la tecnica di costruzione di questi muri e illustrare ai partecipanti come si realizzano e come si ristrutturano: per cominciare, bisogna avere delle buone e solide fondamenta. Se il muretto ha la pancia o presenta una gobba, è necessario abbatterlo e rifarlo completamente. Per prima cosa vanno tagliati gli arbusti, poi, una volta sistemata la base, si procede con il resto delle operazioni. Ogni tanto bisogna incrociare le pietre, specie se si lavora con muretti da 1 metro e mezzo, 1 metro e 60 cm. Il muro ideale dovrebbe avere mezzo metro di larghezza, in modo che si possano utilizzare pietre più lunghe e più grosse incrociate tra loro. Ma si possono costruire anche muretti di 1 metro e 80. Per un metro di muro, una persona con una certa esperienza impiega un'ora e mezza-due ore. Abbiamo eseguito una trentina di metri di muro realizzato "a regola d'arte": l'obiettivo è che resista almeno per altri 50-60 anni".



Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.