cibo, vino e quantobasta per essere felici

banner visita nostro shop on line

Chi non ama Trieste fino al pianto

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Triste Porto Rive ph Gabriele CrozzoliTriste Porto Rive ph Gabriele CrozzoliOggi su Il Foglio, nella consueta rubrica Preghiera, Camillo Langone scrive di Trieste "Lo stato non vuole che io vada a Trieste e io ci vado con Diego Marani, leggendo La città celeste (La nave di Teseo). E mi commuovo più che se ci andassi di persona. Mi è sempre venuto da piangere ogni volta che mi sono approssimato alla città fatale, dove il confine comincia a stringere: tra Redipuglia e Monfalcone est. Però arrivato in centro ho sempre riacquistato la lucidità. Invece stavolta la commozione non passa, anzi aumenta pagina dopo pagina. Dunque “La città celeste” è commovente non solo perché libro ambientato nella città più commovente d’Italia: anche perché è un’autobiografia, perché parla di giovinezza, di ragazze che non sono più ragazze, di amori distrutti dal tempo, ridotti a ricordo.

'Da quarant’anni non tornavo a Trieste. Il treno sferragliava incontro al sole a picco sulla scogliera davanti al paesaggio sontuoso del mare.

Guardando dal finestrino la città che si avvicinava mi sono messo a piangere'.

 

 

 


Chi non ama Trieste fino al pianto lasci perdere e accenda pure la televisione.


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata