cibo, vino e quantobasta per essere felici

A Bagni di Lusnizza una sorgente di benessere

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

La fonte di Bagni di LusnizzaLa fonte di Bagni di Lusnizza

Ci sono luoghi vicini, quasi dimenticati, ignoti ai più, pieni però di fascino e di speciali qualità da scoprire.  Uno di questi luoghi è Bagni di Lusnizza, piccolo paese ai piedi delle Alpi Giulie, tra le montagne del Tarvisiano. Che cos’ha di speciale questo paesino da meritare una menzione e magari anche una gita?

Qui si trova una rinomata, quanto oggi poco conosciuta, fonte di acqua solforosa. A fine Ottocento, inizi Novecento Bad Lussniz era invece una località termale di fama nell'Impero Austro Ungarico; a tale proposito vi è una notevole letteratura, in cui si attestano le proprietà curative dell'acqua del fiume Solfo (o Zolfo).

Al limitare del bosco che circonda il borgo di Lusnizza, oggi si trova un grazioso chiosco che gratuitamente eroga l'acqua. Comodamente seduti sulle panchine del  giardinetto attrezzato che lo circonda, si può bere un bicchiere d’acqua salubre oppure ci si può avventurare alla ricerca della sorgente. Tranquilli! Niente di complicato: si raggiunge, comodamente con una breve camminata lungo un sentiero.

Si può soggiornare in zona e tornare ogni giorno a bere un bicchiere per meglio usufruire del giovamento dell'acqua. In alternativa, molti riempiono delle bottiglie per portarsele a casa. In frigorifero l'acqua mantiene le sue proprietà per svariati giorni. Da cosa lo si capisce? Semplice! Dall'odore, non proprio gradevole che si percepisce quando si apre il tappo (d'altronde si sa, lo zolfo non profuma di violette... ma di uova marce).

Quali sono i benefici di quest'acqua? Numerosi test hanno provato che ha svariate proprietà benefiche nel caso di disturbi renali e polmonari ed è utile anche per problemi dermatologici, ma non voglio darvi indicazioni chimico fisiche o mediche, non è mi a competenza,  io mi limito a suggerire una gita salutare, estremamente piacevole. 

Sempre aperto anche con neve e ghiaccio, 7 giorni su 7 . Personalmente ci sono stata anche con temperature molto rigide e non ho mai avuto problemi😊

Seguite Lorenza Cesaratto anche sul suo blog 

Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.