fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Alla scoperta del vin brulè

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Oggi, 6 gennaio, festa dell'Epifania i dolci epifanici che si accompagnano al vin brulè, che è anche la tipica bevanda dei mercatini natalizi dei paesi di area germanica.  E a proposito di vin brulè - Glühwein in tedesco, vincChaud in francese, mulled wine in inglese- vi segnaliamo l'interessante articolo di Martina Tommasi pubblicato sul nostro mensile cartaceo qbquantobasta di gennaio 2017. Qui alcuni spunti per invogliarvi ad approfondire. A partire dalla storia - Martina Tommasi è una storica appassionata di cultura alimentare-  e sottolinea le valenze simboliche connesse alla scoperta che l'alcol si potesse bruciare: non era più il cibo cotto sul fuoco a essere mangiato, ma il fuoco stesso.

E lo sapevate che gli antichi Romani facevano largo uso del Conditum Paradoxum, vino passito mescolato con miele, pepe e noccioli di datteri polverizzati cui si attribuivano proprietà medicamentose e afrodisiache. Un antenato del vin brulè.

E oggi quanti ripetono il rito del Caffè alla valdostana nella Grolla?

E il bisò romagnolo lo conoscete?  Per leggere di gusto c'è qbquantobasta!

Per saperne di più leggi anche La pinza dell'Epifania e la pinza della nonna  La ricetta della pinza veneta.


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata