cibo, vino e quantobasta per essere felici

Nasce la capitale italiana del vino dal 2021

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

città del vino logocittà del vino logo

Nel corso dell’Assemblea nazionale delle Città del Vino svoltasi nei giorni scorsi nelle sale di Villa Parisini di Basciano (sede dell'Associazione nazionale Città dell'Olio)  nel comune di Monteriggioni, a pochi passi da Siena, si sono discussi molti argomenti, dall'approvazione della proposta di legge sulle città del vino e dell’olio che giace da oltre un anno in Commissione Agricoltura della Camera, alla prossima edizione di Calici di Stelle in collaborazione con il Movimento Turismo del Vino e anche dell'istituzione della Capitale Italiana del Vino 2021, un riconoscimento annuale che metterà al centro della comunicazione un Comune e il suo territorio.

L’intento è quello di dare ogni anno una forte visibilità ad un territorio attraverso sia gli eventi e le iniziative che fanno parte del calendario ordinario, sia con appuntamenti specifici dedicati in particolare alla filiera vitivinicole e alle Città del Vino. 

 

Le candidature sono aperte. Si procederà sulla scorta di quanto avviene per l’indizione della Capitale Europea del Vino di Recevin, la Rete europea delle Città del Vino, che vede a rotazione coinvolte comunità italiane, del Portogallo, della Spagna e di altre realtà vitivinicole europee. Ultimo esempio in Italia è stato Sannio Falanghina Città Europea del Vino 2019 che per un anno ha acceso i riflettori sul territorio vitivinicolo del Sannio.



 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.