cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Cheesecake al cocco e cioccolato

Estiva, golosa, fresca e preparata a fuochi spenti. Si tratta della mia cheesecake dal tocco caraibico con cioccolato fondente e cocco. Si prepara in 20 minuti, riposa una notte in frigo … e il gioco è fatto!

 

 

CHEESECAKE AL COCCO E CIOCCOLATO

Ingredienti per uno stampo da 20 - 22 cm di diametro

PER LA BASE

  • 120 g di biscotti tipo Digestive
  • 3 cucchiai di miele
  • 50 g di burro fuso

PER LA FARCITURA

    • 5 fogli di gelatina
    • 50 ml di latte
    • 150 g di ricotta o philadephia
    • 140 g di yogurt bianco senza zucchero oppure greco
    • 60 g di zucchero a velo
    • 200 ml di panna
    • 50 g di cioccolato fondente
    • 3 cucchiai di cocco raspato

Per decorare questa cheesecake potete semplicemente spolverarla con cacao dolce o amaro e cocco raspato, oppure potete preparare le palline al cocco: lavorate 100 g di ricotta con 50 g di cocco raspato, 40 g di zucchero a velo. Lasciate riposare in frigorifero un'ora. Formate quindi le palline e passatele nel cacao amaro. Conservatele in frigorifero fino al momento di decorare la torta.

 

 

PROCEDIMENTO

Fate fondere il burro e fatelo raffreddare. Tritate finemente il un mixer i biscotti aggiungendo il burro e il miele. Rivestite con la carta forno uno stampo tondo a cerniera e adagiate i biscotti sul fondo livellato la superficie e pressandola bene. Riponete il frigorifero.

Ammollate i fogli di gelatina in acqua fredda per 10 minuti e montate la panna.

Lavorate la ricotta assieme allo yogurt e allo zucchero a velo. Unite quindi la panna. Strizzate la gelatina, mettetela in un pentolino e fatela fondere assieme al latte. Non fatela sobbollire troppo. Mescolando velocemente il tutto con una frusta, unitelo al composto appena preparato. Dividete il tutto in 2 parti uguali.
Per la parte scura al cioccolato: fate fondere il cioccolato fondente a bagnomaria, aggiungetelo a una parte di composto, mescolate con una spatola e versatelo sulla base di biscotto. Riponete il freezer per 10 minuti.
Per la parte bianca al cocco: unite al composto il cocco raspato, mescolate e versate sulla parte solidificata al cioccolato.

Riponete il tutto in frigorifero a rassodare per una notte. Decorate la superficie e servite.

Ciambella al limone e semi di papavero

La freschezza del limone incontra il gusto particolare dei semi di papavero. Questa meravigliosa ciambella richiama gli incontri tra amiche in giardino, all'ombra fresca di un antico albero, ottima da gustare fredda assieme a un delizioso tè freddo alla menta. Se vi piacciono gli agrumi, potete sostituire il limone con arancia, lime o bergamotto.

CIAMBELLA AL LIMONE E SEMI DI PAPAVERO

Ingredienti per uno stampo da 24 cm di diametr

  • 250 g di farina di farro bianca
  • 180 g di zucchero di canna
  • 150 g di yogurt bianco senza zucchero
  • 120 g di maizena
  • 120 g di olio di semi di girasole
  • 3 cucchiai di semi di papavero
  • 3 uova intere
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • scorza grattugiata di 1 limone biologico
  • succo di mezzo limone
  • un pizzico di sale

Per la glassa

  • 100 g di formaggio fresco tipo Philadelphia
  • 50 g di zucchero a velo
  • 1 cucchiaio di succo di limone

PROCEDIMENTO

Scaldate il forno a 180° C in modalità statico. Imburrate e infarinate uno stampo da ciambella. Sgusciate la uova in una ciotola capiente e montatele con le fruste elettriche assieme allo zucchero. Unite quindi l'olio, lo yogurt, la scorza e il succo di limone. Mescolate bene. A parte miscelate le polveri: la farina, la maizena, il lievito, il sale e i semi di papavero. Unite il tutto al composto. Versate l'impasto nello stampo e cuocetelo in forno per 45 - 50 minuti. Fate la prova stecchino per controllare la cottura. Una volta pronta, sformate la ciambella e fatela raffreddare su una gratella. Montate a parte il formaggio cremoso assieme allo zucchero e al succo di limone. Versate la glassa sulla ciambella fredda e decorate con fiori freschi e semi di papavero aggiuntivi.

BRIOCHES INTEGRALI

Caffè e brioche: la mattina ha tutto un altro sapore, non trovate? Questa ricetta è pensata appositamente per venire incontro alle esigenze di chi è goloso, ma al tempo stesso è molto attento alla linea e agli ingredienti. Farcite la vostra brioche con confettura di lamponi, marmellata di agrumi o crema di nocciole, sarà deliziosa! Le brioche si mantengono morbide per molti giorni, ma vi consiglio comunque di congelarle e scongelarle al bisogno.

INGREDIENTI: *500g farina integrale macinata a pietra *125g zucchero di canna *250ml bevanda di soia (o riso) *140g olio di girasole *5g lievito di birra *sale qb

PREPARAZIONE: Scaldare la bevanda di soia fino a raggiungere la temperatura di 35-37° (non di più altrimenti il calore andrebbe a compromettere il ruolo del lievito). Al suo interno sciogliere delicatamente il lievito di birra. Impastare tutti gli ingredienti secchi e liquidi (anche il lievito sciolto nel latte) in una ciotola o, se la possedete, in una planetaria. Lavorare il composto fino a renderlo liscio e morbido. Ci vorranno circa 10 minuti. Porre il panetto in una ciotola e lasciarlo riposare in un luogo tiepido per circa 3 ore (o comunque fino al raddoppio). Una volta raddoppiato, dividere in due l’impasto e stenderlo con l’aiuto di un matterello. Si dovranno formare due cerchi del diametro di circa 30cm. La sfoglia, in ogni caso, non dovrà risultare troppo sottile. Prendere un coltello affilato e formare tanti spicchi la cui base andrà a misurare circa 5cm. Chiudere i cornetti arrotolandoli su se stessi e porli su un foglio di carta forno. Spennellare con un po’ di bevanda di soia e fare lievitare nuovamente per 1 ora e mezza. Scaldare nel frattempo il forno a 175°C. Una volta caldo, cuocere le brioches per 20 minuti circa fino a quando il fondo della brioche sarà dorato.

 

 

 

Crostata alla ricotta e fichi, profumata al rosmarino

L’ultimo momento buono per gustare i fichi è alla fine dell’estate, proprio all’inizio di settembre, mese in cui si passa da una varietà ortofrutticola prettamente estiva a una più “di terra” e autunnale. Quest'anno la stagione  ci consente di gustarne anche di tardivi. I fichi hanno una storia millenaria a partire dalla lontana Mezzaluna Fertile; storicamente vengono citati in molti testi famosi: secondo l’Antico Testamento non fu la mela il frutto proibito, ma il fico. Nell’antica Grecia, Platone era un famoso mangiatore di fichi e Publio Ovidio Nasone documentò come in epoca romana venissero serviti come buon augurio. Fin dall’antichità si studiavano le molteplici qualità di questo frutto: dalla fortificazione del corpo per i ragazzi, alla fertilità delle giovani donne, dall’uso del suo lattice contenuto nei rami per cagliare il latte al decotto che si faceva con i suoi frutti contro bronchiti, raffreddori e … stitichezza. In tutte le ere, e anche nei giorni nostri, il fico viene apprezzato sia nei dolci ma anche nei piatti salati, basti pensare al buon San Daniele e fichi, a un filetto di maiale rosolato con un sughino agrodolce di fichi, o con i formaggi erborinati.

Ingredienti per la frolla:

  • 200 g di farina di farro
  • 100 g di burro
  • 80 g di zucchero
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 uovo

Ingredienti per il ripieno:

  • 600 g di ricotta ben sgocciolata
  • 2 uova
  • 100 g di zucchero
  • 2 cucchiai di rosmarino tritato + qualche ago per la decorazione.
  • 2 cucchiai di vino dolce
  • Un pizzico di vaniglia
  • La scorza di un limone
  • 6 – 7 fichi freschi
  • Miele q.b.
  • 1 pizzico di sale

Preparazione

Preparate la frolla: radunate in un mixer o in un robot da cucina capiete dotato di lame la farina di farro, il lievito, lo zucchero, il sale e il burro freddo a dadini. Frullate il tutto. Aggiungete quindi l’uovo e frullate fino a quando non avrete ottenuto un impasto omogeneo. Così facendo in pochi secondi avrete ottenuto la froll senza scaldarla troppo con le mani. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare in frigorifero per almeno 30 minuti. A parte, sbattete le uova per il ripieno assieme allo zucchero. Unite il vino dolce, il rosmarino tritato, la vaniglia, la scorza di limone e la ricotta setacciata con uno schiacciapatate, in modo che non crei grumi. Mescolate bene il tutto e mettete la parte.

Scaldate il forno ventilato a 180° C. Infarinate il piano di lavoro e stendete la frolla. Rivestite uno stampo per crostata da 24 – 26 cm leggermente alto. Versate il ripieno, distribuendolo con una spatola. Ripiegate i bordi e infornate. Cuocete la crostata per 30 – 40 minuti, poi fatela raffreddare a temperatura ambiente. Riponetela in frigo per almeno 4 ore. Estraete la crostata dal forno e decoratela con fettine di fichi freschi, aghi di rosmarino e un filo di miele millefiori. Servitela subito. Si conserva in frigorifero per almeno 4 giorni.

La ricetta è stata pubblicata nel numero di settembre 2018 del mensile qbquantobasta. 

 

Informazioni