cibo, vino e quantobasta per essere felici

Presentato programma 2012 di ERSA

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Presentato il PROGRAMMA 2012 delle ATTIVITA’ di ERSA

per la promozione dell’agroalimentare e l’enogastronomia del Friuli Venezia Giulia

Un calendario ricchissimo di iniziative e collaborazionisia in Italia che all’estero

L’Agenzia regionale per lo sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia, ERSA, ha presentato, oggi, nel corso di una conferenza stampa appositamente organizzata a Udine, nel Palazzo della Regione, il programma di attività da condurre nel settore della promozione dell’agroalimentare e dell’enogastronomia regionale nel 2012.

“Si tratta del primo anno – interviene l’Assessore alle Risorse agroalimentari, rurali e forestali, Claudio Violino – in cui davvero il programma delle attività di promozione nei settori dell’enogastronomia e dell’agroalimentare regionale sono in capo al settore primario che riconosce in Ersa il proprio braccio operativo. Come vedete è stata ampliata la collaborazione con l’Agenzia del Turismo,

un’alleanza volta a portare i consumatori e i turisti nei territori in cui le eccellenze dell’agroalimentare regionale si producono come anche con il neo costituito Consorzio delle DOC – FVG e con cui sono state concordate le linee guida e svariate iniziative nel settore della promozione del vino. Auspico che a breve, anche per le organizzazioni dei produttori dell’agroalimentare, si possa arrivare alla costituzione di un Consorzio unico con cui confrontare le risoluzioni e pianificare i calendari.

 

Allo stato attuale delle cose – conclude l’Assessore Violino – abbiamo scelto di intervenire a quelle manifestazioni sulla cui partecipazione sono stati raccolti i maggiori consensi.”

Iniziative con focus sui prodotti dell’agroalimentare

E’ prevista la presenza a fiere di settore come l’ MSE di Rimini (25 – 28 febbraio) dedicato alla filiera ittica, Olio Capitale a Trieste riservato all’olio extra vergine d’oliva di qualità, Artigiano in Fiera a Milano, ritenuto un’anticipazione di quella che sarà poi la forte partecipazione del Friuli Venezia Giulia all’Expo 2015, come l’adesione ad una fitta ed articolata serie di appuntamenti regionali che vanno dagli eventi più noti di Friuli Doc, Gusti di Frontiera, Barcolana a diverse opportunità di visibilità dislocate nelle quattro province della regione tra cui Agriest (appena conclusasi a Udine), Ortogiardino a Pordenone, svariate iniziative estive organizzate nelle località di vacanza tanto sulla costa quanto nell’area collinare e montana della regione e ancora la partecipazione a manifestazioni di richiamo come Pordenonelegge e la Mostra del cinema di Venezia.

 

Iniziative con focus sul vino

Fiere di settore

Per quanto riguarda più specificatamente il settore vino, le scadenze proposte da Ersa iniziano con il coordinamento della partecipazione di una collettiva di 25 aziende del Friuli Venezia Giulia all’imminente Prowein, in calendario  a Dusseldorf dal 4 al 6 marzo prossimi, che identifica la grande opportunità di essere fisicamente presenti in uno dei mercati più forti in termini di domanda di vini friulani, oltreché piazza di incontro e confronto tra buyer  e operatori di tutto il mondo.

A seguire c’è la scadenza di Vinitaly (Verona, 25 – 28 marzo) dove la collettiva capitanata da Ersa sale a più di 100 aziende raccolte sotto l’unico concept comunicativo del Tipicamente friulano.

Analoga formula è prevista per l’adesione di una decina di aziende vitivinicole della regione all’ExpoVinis  Brasil (San Paolo, 24 – 26 aprile), partecipazione organizzata in collaborazione con il neo costituito Consorzio delle  DOC - FVG , quindi alla London International Wine Fair (Londra, dal 22 al 24 maggio) e, a fine 2012, la possibilità di intervenire a Parigi, a Le grand tasting de Le Carrousel du Louvre, al fianco dei grandi vini francesi recensiti dalla Guida Bettane e Dessauve.

 

Iniziative Friulano & friends

Il 2012 vede la riproposizione della grande kermesse di eventi riuniti sotto il claim del Friulano & friends, ovvero prospettati nell’ambito di quel percorso di valorizzazione del territorio regionale che prende avvio dalla  promozione della nuova denominazione del vino Friulano e che, di volta in volta si abbina ai grandi interpreti dello stile dei produttori del FVG enologico e agroalimentare.

 

“Dopo l’ottimo successo riscosso dall’edizione 2011 - commenta Mirko Bellini, Direttore Generale di Ersa - Friulano & friends è diventato un marchio registrato e di proprietà di ERSA. Sotto la bandiera del Friulano & friends ci stanno, oggi, non soltanto i vini protagonisti nel 2011, come il Friulano e il Pinot grigio, ma anche il Sauvignon, un grande internazionale su cui i produttori della regione sono veramente bravi; mentre la nuova sfida consiste nel dimostrare che i bianchi friulani sanno anche ben invecchiare. Per questo, ambiziosamente vogliamo lanciare la selezione volta a decretare i migliori bianchi e i Friulano del secolo scorso.

Un discorso a sè merita la Ribolla gialla spumante che al di fuori dei confini regionali è oramai considerata la Bollicina del Friuli Venezia Giulia e non solo perché sono in molti che la stanno producendo in regione, ma soprattutto perché la sanno fare davvero molto bene.”

“Il Friulano migliora invecchiando…non solo il vino” è una selezione di vini suddivisi nelle tre categorie de: i bianchi del secolo scorso (precedenti il 2000), i bianchi invecchiati dal 2001 al 2006,  i Friulano dal 2001 al 2006. La selezione è rivolta a tutte le aziende vitivinicole della regione che mettono a disposizione della commissione i propri bianchi d’annata per una valutazione volta a decretare i tre migliori vini per ciascuna categoria. L’iniziativa si concluderà con una presentazione, riservata alla stampa di settore (vista la limitata disponibilità di bottiglie) organizzata a Milano, unitamente ad un seminario sul Friuli Venezia Giulia, territorio di elezione di una vitivinicoltura di pregio.

 

La rassegna del “Friulano & friends” prosegue poi con San Daniele del Friuli e l’occasione di abbinare, alla risonanza ormai collaudata di Aria di Festa (22 – 25 giugno) la selezione “Friulano & friends”, rivolta a tutte le aziende vitivinicole della regione con il fine di decretare i migliori Friulano, Pinot grigio e Sauvignon prodotti in Friuli Venezia Giulia. La formula è la medesima dell’anno precedente, ovvero una prima Commissione costituita dai delegati regionali delle associazioni di settore destinata a selezionare, per ogni tipologia di vino, una ventina di etichette finaliste che saranno poi degustate da una Commissione di esperti e giornalisti, riconosciuti a livello nazionale ed internazionale, a cui verrà chiesto di individuare i migliori.

Per le 26 aziende finaliste dell’edizione 2011, il riconoscimento ad essere le produttrici dei 26 migliori Friulano e Pinot grigio della regione si è tradotto in una grande opportunità di visibilità, non solo sul mercato di casa, ma soprattutto a livello internazionale grazie anche all’importante campagna di comunicazione messa in atto da Ersa.

Nell’Enoteca dei vini del Friuli Venezia Giulia che sarà allestita durante Aria di Festa sarà possibile degustare, al fianco dei vini finalisti del Friulano & friends, anche le migliori etichette di Ribolla gialla spumante prodotte in regione e selezionate durante la Fiera dei vini autoctoni di Buttrio (1 - 3 giugno) con la collaborazione del Consorzio delle Doc della regione.

Il programma del Friulano & friends continua con il “Friulano on tour”, un percorso articolato attraverso le principali capitali europee per far conoscere le produzioni della regione attraverso momenti formativi e degustazioni guidate condotte dalle principali personalità e autorità del settore. Tra questi si cita il versatile Ian D’Agata, collaboratore di Ersa oramai da tempo, insieme a Peter Mc Combie (UK), Christian Bauer (A), Paul Balke e Janna Rijpma (NL), Steffen Mauss e Monika Kellermann (D), Francois Mauss (F)…

Iniziative di incoming di giornalisti e sommmelier professionisti destinate a promuovere e valorizzare le zone  vocate alla vitivinicoltura della regione sono state predisposte per operatori olandesi, austriaci.

 

Iniziative trasversali

Londra (maggio), Monaco (settembre) e Roma (novembre) sono le sedi individuate da Ersa e dal Consorzio del Prosciutto di San Daniele per l’allestimento di Temporary store, ovvero spazi espositivi destinati a promuovere il celebre matrimonio tra il Friulano, i vini del Friuli Venezia Giulia e il prosciutto di San Daniele.

 

Va ricordata infine la collaborazione che Ersa ha in atto con il mondo della ristorazione.

Il Friuli Venezia Giulia vanta chef e ristoratori che si collocano ai vertici delle maggiori Guide di settore.

Tra questi va menzionato Emanuele Scarello, Presidente uscente dei Giovani Ristoratori d’Europa, JRE, che ha voluto concludere il suo mandato organizzando il convegno annuale dell’Associazione proprio a Udine l’11 e 12 marzo prossimi. Un aperitivo tutto Friulano & San Daniele sarà organizzato in contemporanea, in un giorno di aprile, in tutti i 65 ristoranti JRE d’Italia rappresentati al Convegno di Udine.

 

Da ultimo vanno citati gli eventi di promozione delle eccellenze agroalimentari e vinicole del Friuli Venezia Giulia che vedono la collaborazione di Ersa con alcuni tra i gruppi editoriali dalla più lunga e riconosciuta esperienza sull’argomento tra cui Vinibuoni d’Italia (Touring Editore), L’Espresso, il Gambero Rosso, l’AIS, inclusa la campagna di comunicazione svolta sui rispettivi prodotti editoriali (guide, riviste, testate giornalistiche….).

 

Tipicamente friulano è

un sentimento di appartenenza

Tipicamente friulano è

lo stile delle aziende che operano sul territorio del Friuli Venezia Giulia e che si ritrova nei loro prodotti

Tipicamente friulano è

l’identificazione di un popolo che condivide il modo di fare le cose


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.