cibo, vino e quantobasta per essere felici

Giornate dell'asparago istriano

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Non c'è famiglia in Istria che con l’arrivo della primavera non si affretti a cercare nel bosco i primi verdi germogli. L’asparago selvatico è parte integrante della cultura, non solo culinaria, dell’Istria. Nei tempi passati gli asparagi venivano raccolti dai pastori che li portavano a casa legati insieme con la ginestra. Oggi l’abitudine di “andar per asparagi” è un gradito svago per gli abitanti di questi luoghi, che oltre a passare alcune ore in movimento all’aria aperta, concludono la passeggiata con un pasto sano e appetitoso.

Tra metà marzo e fine maggio ci si deve armare di grande pazienza e aguzzare la vista, dal momento che prediligono soprattutto i luoghi poco accessibili, come i cespugli spinosi. Dal 21 marzo al 13 maggio 2018 tornano le giornate dell'Asparago: ristoranti e le trattorie di Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie accolgono gli ospiti con prelibatezze a base di asparagi, frittate, zuppe, pasta fatta in casa e risotti, asparagi preparati con carne e pesce o addirittura come dessert. ph. Maurizio Dragoph. Maurizio Drago


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.