cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Occhio al potassio nella concimazione

Nel corso del recente incontro tecnico dedicato a “La concimazione della vite” ospitato a Cormons dalla Cantina Produttori (fra i presenti David Buzzinelli, presidente del Consorzio Collio, Mauro Drius, assessore all’agricoltura, ambiente, tutela ambientale e verde pubblico del Comune di Cormons, oltre che produttore e Michele Blazic, Presidente dell’Enoteca di Cormòns) si è sottolineato come le concimazioni rivestano un aspetto fondamentale per una viticoltura sostenibile e innovativa». Il terreno dev’essere vivo, cioè adeguatamente ricco di azoto, fosforo, magnesio e potassio. Proprio su quest’ultimo argomento si è relazionato sulle nuove conoscenze sull’accumulo del potassio nella bacca della vite, "se non controllato, questo sovradosaggio crei danni sia a livello enologico, con la produzione di vini meno acidi, freschi e fruttati come invece il mercato richiede, sia a livello economico, con un aumento dei costi di produzione". 

 

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)