cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Quattro nuovi chef in JRE Slovenia

“Black and White”: una splendida serata, con cena di beneficenza, ha festeggiato nella Torre medievale dell’hotel Evropa di Celje l’ingresso di quattro nuovi chef nella famiglia dei Jeunes Restaurateurs d’Europe della Slovenja: David Vračko, Grega Repovž, Gašper Puhan, Luka Košir. 

La vulcanica presidente Marcela Klofutar, del ristorante Vila Podvin, ha saputo coinvolgere tutti i cuochi dell’associazione (assenti giustificati Ana Roś, Tomaž Kavčič e Jure Tomič, peraltro molto attivi tra i Jre in qualità di ex presidenti e rappresentanti dell'associazione  in Europa). “Una scelta non casuale quella che ha voluto un dress code in bianco e nero, per sottolineare le diversità e i contrasti della Slovenia – ha spiegato. "Abbiamo voluto mettere assieme l’esperienza degli chef professionisti con la freschezza dei giovani studenti. Il denaro raccolto sarà infatti utilizzato per finanziare alcune borse di studio per giovani camerieri nei ristoranti Jre in tutta Europa”. ph Rok Dezelakph Rok Dezelak 

Dopo i finger food accompagnati dai vini offerti dalla famiglia Puklavec e da Vina Koper, la cena ha avuto inizio con un delizioso piatto a base di salmone, zenzero, ostrica e cetriolo. Particolari i canestrelli serviti con cavolfiore, limone e uova di trota.

Gusto deciso per il pollo con patate, cappuccio e topinambur, che ha fatto da prologo al cervo con tarassaco e scalogno, servito con un ristretto di carne.

Si può definire sublime, per quanto insolito, il gelato ai porcini, con ginepro, abete e ribes nero.

Un mix davvero coinvolgente che ha visto lavorare assieme alle new entry gli altri membri della famiglia JRE Slovenia, i quali stanno esplorando con risultati eccellenti, la ricchezza della diversità della loro nazione, costruendo in tal modo il futuro culinario del paese che nel 2021 sarà “regione europea per la gastronomia”.

credit foto: Rok Dezelak

Informazioni