cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Kruh in vino Pane e vino la nuova avventura di Tomaž Kavčič

"Prodotti locali, piatti semplici e gustosi, con attenzione a quanto viene da fuori, ma restando sempre in Slovenia. Nel menu ci saranno sempre tre piatti al cucchiaio, non posso immaginare la cucina slovena senza una zuppa o un piatto al cucchiaio. Ma neanche senza patate." Così ci spiegava Tomaž Kavčič alla recente inaugurazione del suo nuovo locale a Villa Vipolže nel Brda.

Il nome? Kruh in Vino, cioè semplicemente Pane e vino. Naturalmente lo chef non abbandona Zemono e Pri Loizetu, semplicemente raddoppia la sua presenza, con un locale decisamente scenografico nelle sale di una villa rinascimentale che fu dimora di caccia dei conti di Gorizia, ma molto accessibile come prezzi e con una linea culinaria diversa rispetto a Zemono. 

I festeggiamenti hanno avuto inizio con un ricco aperitivo a base di salumi Cigoi e pan brioche con lardo, accompagnati con la bollicina Spirito della cantina Dolfo. 

Primo piatto? La classica jota Jota, servita nelle ciotole di latta dell'azienda slovena Emo. Il vino scelto in accompagnamento era un Pinot Grigio dalla cantina Ščurek. 

Gli gnocchi  di zucca, con semi di zucca tostati e pancetta ci sono stati serviti in un barattolo di vetro.  Il responsabile della lista vini Ivan Prinčič aveva scelto in abbinamento lo Stara Brajda l.2011 della cantina Ščurek.


In menu ci sarà sempre la »pogača«, una focaccia senza glutine, creata con un amico di origini napoletane, lunga lievitazione e con lievito madre.

La prima pogača focaccia era farcita con formaggio fresco, alici, paté d'oliva e basilico. La seconda con purea di zucca, cavolo rosso, ciccioli, salsiccia e formaggio fresco. 

Per il vino  ci è stato servito il Rosso della cantina Dolfo. Dessert finale, il il Brda-mi-sù- un tiramisù con un tocco di grappa nel caffè. 

Ancora una volta Tomaz ha saputo stupirci. Kruh in vino è aperto tutti i giorni dalle 12 alle 22 tranne il lunedì. 

Per conoscere in dettaglio tutta la storia di Villa Vipolže dal 1500 a oggi, leggete il nostro link https://www.qbquantobasta.it/luoghi/6541-la-villa-di-vipolze-in-slovenia

Informazioni