cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

I vini sloveni sempre più richiesti a Roma

Se avete pianificato un viaggio a Roma e per caso, passeggiando per le vie romane volete sentirvi, solo per un attimo, di nuovo vicino casa, lo potrete fare grazie a un bicchiere di vino. I vini friulani sono fortemente presenti nella capitale, ma ogni anno di più trovano spazio anche i vini sloveni, grazie anche all’azienda di importazione e distribuzione Wine in Motion, che offre solo prodotti di nicchia. Le aziende vitivinicole sono selezionate con molta cura da Wine in motion che è riuscita a trovare spazio anche a Eataly, presentando vini sloveni in degustazioni guidate.

Ma com’è cominciata la storia di tre cantine slovene a Roma? Ne parla a qb il responsabile Riccardo Siviero. Tutto è cominciato 3 anni fa, quando un distributore di Roma, con la grande passione per il vino particolare, ha incontrato il vino Zanut. A poco a poco ma a passo deciso, il numero delle etichette è cresciuto, vini sloveni, champagne, vini friulani e georgiani...

Quali i più richiesti?


Sivi pinot, annata 2012 di Edi Simčič va a ruba. Seguito dalla Malvasia e dallo Chardonnay. Sivi pinot (Pinot grigio) maturato 10 mesi in botti di rovere, ancora mantiene la freschezza, ricorda lo stile alsaziano con note di nocciole e fiori.
Erzeticˇ invece si fa riconoscere per la sua Ribolla vinificata in acciaio, dal colore giallo limone delicato. Ribolla con profumo meno pronunciato, quindi estremamente versatile.
Apprezzatissimo lo spumante Sentio, metodo classico, con rifermentazione di 30 mesi in bottiglia, bollicina elegante e generosa.

“Il mercato romano è un mercato esigente. Non si accontenta del solito locale, ma si tratta bene sia nella scelta del bere o come/dove rilassarsi e incontrarsi con gli amici”, ci spiega Siviero che aggiunge: “all’inizio ho riscontrato una certa difficoltà nel fare accettare vini sloveni”. Riccardo parla con una scintilla negli occhi del nuovo locale, inaugurato pochi mesi fa nel quartiere Parioli – Tartineria romana.
Nuovo, ma punto di riferimento per le tre cantine slovene prescelte: Zanut, Erzeticˇ ed Edi Simčič. “Collio, Brda, Carso, sono zone eccezionali. I miei clienti mi richiedono e ricercano vini della vostra zona, perché sono strutturati, complessi, con carattere e molto particolari,

.

Tra le tre cantine il più forte è Edi Simčič, che si è confermato anche nel rinomato Bancovino romano dal caratteristico lungo bancone. “Il mercato è pieno di vini da tutto il mondo, ma con il tempo sono riuscito a conquistare i loro palati. Organizzando cene tematiche, invitando chef a creare piatti appositi per questi vini complessi e minerali. Oggi, ovunque mi presento, mi collegano con la Slovenia e richiedono altre novità”.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'articolo è stato pubblicato sul mensile qbquantobasta di novembre 2016.

Informazioni