cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Carpaccio story e l'arte del crudo

Il carpaccio di Cipriani ph. Franz CondeIl carpaccio di Cipriani ph. Franz Conde

Non tutti sanno che Vittore Carpaccio trascorse gran parte della propria vita artistica a Capodistria, dove dipinse una delle sue opere più famose: la pala d'altare Madonna con il bambino che oggi adorna le pareti del Duomo di Capodistria; dipinse pure la tela "Ingresso a Capodistria del podestà Sebastiano Contarini".  Il figlio dell'artista, Benedetto, acquisì i diritti cittadini e la famiglia Carpaccio visse a Capodistria per ben tre secoli. A tutti i gourmettari è però certamente noto il carpaccio, piatto a base di fettine sottili di carne cruda. L'invenzione e il nome del piatto si devono a Giuseppe Cipriani, proprietario dell'Harry's Bar di Venezia: nel 1950 preparò il piatto, a base di carne cruda, appositamente per un'amica, la contessa Amalia Nani Mocenigo, quando seppe che i medici le avevano vietato la carne cotta. Il nome venne dato in onore del pittore Vittore Carpaccio, poiché a Cipriani il colore del piatto  ricordava i colori intensi dei quadri del pittore, delle cui opere si teneva in quel periodo una mostra nel Palazzo Ducale di Venezia. Così dall'unione di arte e alta cucina è nata l'idea per questo progetto originale denominato Carpaccio Story L'arte del crudo  che si svolgerà nella piazza dedicata al pittore. Organizzatore dell’evento la società MiVi s.r.l.

Casa Carpaccio a CapodistriaCasa Carpaccio a Capodistria

Il 5 ottobre 2018 la Taverna in piazzale Vittore Carpaccio farà da cornice a un evento gastronomico del tutto speciale – il Carpaccio Story – l'arte del crudo, che unisce la ricchezza del patrimonio culturale con la gastronomia di alto livello.

Carpaccio di tonno ristorante RizibiziCarpaccio di tonno ristorante Rizibizi

Prenderanno parte all'evento cinque maestri di cucina: Tomaž Kavčič (Gostilna pri Lojzetu – Zemono), Tadej Gašparin (Pikol), Svetozar Raspopović (Restavracija AS), Fabricio Vežnaver (Pergola) e Tomaž Bevčič (Rizibizi), i quali ci delizieranno con le diverse specialità del carpaccio. Gli ospiti potranno seguire dal vivo la preparazione di vere opere d'arte del crudo, prima di assaggiarle e gustarle.

Carpaccio d'asino ristorante PergolaCarpaccio d'asino ristorante Pergola

Ci saranno carpaccio di tonno, trota, anatra, di carne d'asino, come il pluripremiato carpaccio di branzino.  L’evento sarà presentato da Lorella Flego che illustrerà la curiosa storia del carpaccio, mentre la voce soave e i ritmi avvolgenti della musicista Marina Martensson renderanno ancora più piacevole l’atmosfera. L'evento si svolgerà dalle 17 alle 19.30,  a seguire l'after party in piazzale Vittore Carpaccio.
I biglietti del costo di 35 euro sono in vendita allo Snack Bar di Giusterna o si possono acquistare tramite il sito Internet www.carpacciostory.com

Informazioni