cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Valorizzazione transfrontaliera del cicloturismo

I

Inaugurato oggi 11 ottobre 2017, dal premier Miro Cerar, in qualità di presidente del Comitato Olimpico Sloveno - un progetto transfrontaliero di valorizzazione del cicloturismo, che coinvolge Italia, Slovenia, Carinzia, Istria croata e Slovacchia. Il 12 ottobre si terrà a Lubiana una tavola rotonda sullo sviluppo di questo settore del turismo, a cui interverranno gli esperti europei dei cinque Paesi coinvolti. Per l’occasione i partecipanti potranno assaggiare anche prodotti gastronomici tipici in abbinamento ad alcuni vini di Cormòns Cantina Produttori: Ribolla gialla spumante, Friulano e Refosco. Venerdì 13 si proseguirà con una degustazione di prodotti sloveni, accompagnati sempre da una selezione dei vini di Cormòns, sia Doc Collio che Doc Isonzo. L’evento è organizzato dal Cycling Reg e dalla Franja Academy di Lubiana con il sostegno della Uisp (Unione italiana sport per tutti), con l’obiettivo di favorire l'utilizzo delle piste ciclabili, realizzate anche con il progetto Slow-collio, nonché il turismo enogastronomico, come risorse importanti per la promozione del territorio. Saranno presente Mario Graziutti, presidente della Uisp di Gorizia, il sindaco di Capriva del Friuli Daniele Sergon e altri rappresentanti di istituzioni locali e nazionali, quali la Federazione italiana Amici della Bicicletta.

Salva

Informazioni