cibo, vino e quantobasta per essere felici

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

About Cookies

This site uses cookies, including third parties, in order to improve your experience and to provide services in line with your preferences. Through cookies we can personalize your experience and study how our website is used. By closing this banner, scrolling through this page or by clicking any element its consent to the use of cookies.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies go to the section

cookies Policy

If you do not change browser settings, you agree.

Start up del caffè a Triestespresso expo 2018

LE STARTUP DEL CAFFÈ SI SVELANO A TRIESTESPRESSO EXPO 2018. Con l'iniziativa "Spill the Beans" sono state presentate il 26 ottobre quattro startup: l'australiana Huskee, la slovena Cafelier e le italiane Oltrecafé e Pbl.

Cafelier ha realizzato una maniglia unica per la pulizia delle macchine per il caffè espresso che garantisce un'esperienza di pulizia senza rivali: veloce, sicura e facile. Sostituisce un metodo vecchio di secoli che permette di eliminare il gusto amaro e di bruciato e di godere appieno dell'aroma di una buona tazza di caffè. Cafelier ha combinato due diversi metodi di pulizia: pulizia della spazzola e con il filtro cieco per risultati ottimali. Il tutto confezionato in un innovativo design.

Oltrecafé ha prodotto  il primo pellet da fondi di caffè, realizzato esclusivamente in Italia senza abbattere un solo albero. Oltrecafé è una startup green che ha sede a Cento in Emilia Romagna. Il pellet sviluppa più calore del legno e dà una risposta alla forte richiesta di combustibile per chi vuole ottenere un riscaldamento sostenibile, permettendo allo stesso tempo all'industria del caffè di chiudere il ciclo produttivo e arrivando - potenzialmente - a raggiungere l’obiettivo “rifiuti zero”.

Huskee ha creato HuskeeCup, una combinazione di tazzina-piattino realizzati in un ecopolimero innovativo basato sulla bucce di caffè. L’uso di scarti nel materiale di base rappresenta tuttavia solo l’inizio. Huskee vuole trasformare l’intero comparto in maniera più radicale eliminando le tazzine monouso: secondo le stime, più di 50 miliardi di tazzine finiscono ogni anno in discarica. Lo scopo quindi è quello di creare una tazzina nuova riutilizzabile e accattivante anche dal punto di vista estetico.

Infine Pbl ha studiato un innovativo progetto dedicato al riempimento di capsule "Dolce Gusto" compatibili per concentrati liquidi. Questa realtà di Parma è in grado di proporre ai propri clienti impianti per il riempimento di caffè in capsule, impianti di formazione e confezionamento di cialde in carta filtro e linee di pesatura e confezionamento di caffè in grani e macinato sottovuoto.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni