cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Salsa al radicchio di Treviso

Salsa al radicchio di Treviso

Perché la salsa abbia un’ottima riuscita è opportuno usare la varietà di prima scelta, per intenderci quello che si fa anche alla piastra, oppure la seconda scelta, quello con poca radice ma con cespo compatto e comunque a foglia lunga.

Ingredienti: g 600 di Radicchio rosso Treviso, g 250 di cipolla di Tropea, olio di oliva, sale, pepe e vino rosso (corposo). Il procedimento è semplice: basta tagliare a julienne diagonalmente il radicchio, per poi versarlo in una pentola dove avrete già fatto soffriggere la cipolla; salate, pepate e coprite abbondantemente con un (ottimo) vino rosso.

Portate a ebollizione, quindi abbassate la fiamma di modo che la cottura sia lenta. Dopo circa due ore la salsa è pronta (è sottinteso che dovrete ogni tanto mescolare). Vale sempre la regola che se la usate direttamente la salsa avrà bisogno di una leggera legatura (con la maizena).

E’ perfetta per accompagnare un aperitivo: spalmatela su crostini non tostati.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni