cibo, vino e quantobasta per essere felici

Chef Massimiliano Poggi del ristorante Al Cambio: Spaghetti di Gragnano con pane all'aglione, ricci di mare e salsa di seppie

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Ingredienti per 4 persone:
320 g di spaghetti di Gragnano
10 pomodori del Piennolo
10 foglie di prezzemolo fresco

10 g di concentrato di pomodoro(possibilmente fatto in casa , altrimenti di ottima marca)
2 spicchi di aglio
30 g di olio evo
50 g di di ricci di mare freschissimi
50 g di polpa di seppia pulita
20 g di vino bianco aromatico
pepe bianco
1 peperoncino fresco
tagliare a metà il pomodoro del Piennolo e farlo andare dolcemente in padella con uno spicchio di aglio, il peperoncino e l'olio di oliva
fino a che non raggiunge una consistenza cremosa e tenere in caldo dopo aver aggiustato di sale e pepe
fare scaldare in un un tegame poco olio con l'altro spicchio di aglio tritato, aggiungere il concentrato di pomodoro e fare insaporire , a tostatura avvenuta aggiungere il pane e far assorbire olio e pomodoro.
mettere in una pentolina le seppie con il vino e fare cuocere senza far arrivare al punto di bollore per 3/4 minuti , salare e pepare e frullare con il frullatore per ottenere una salsa densa (aggiungere il liquido di cottura poco alla volta per avere il controllo della cremosità)
cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata , scaldare l'olio rimasto, aggiungere il pomodoro del Piennolo e il prezzemolo tritato , scolare la pasta molto al dente e con un poco di acqua di cottura mantecarla in padella con la salsa di pomodori, disporre la pasta in 4 piatti , spargere il pane all'aglione sulla pasta , guarnire con la salsa di seppie e finire con i ricci di mare crudi ma non freddi di frigo.

Chef Massimiliano Poggi

Ristorante Al Cambio

Via Stalingrado 150, Bologna

Tel: 051 328124 - 051 328118

Ristorante Al Cambio

                                                                  
                                                     

Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.