Ciceri & Tria: dal Salento pasta o zuppa?

Ciceri e trie ricetta e foto di Daniela DorettoCiceri e trie ricetta e foto di Daniela Doretto

 

Una ricetta di Daniela Doretto, nel nome del suo amore per il Salento. Per chi si collega per la prima volta con la nostra rubrica - creata dal primo aprile 2020 in onore del grande Artusi (la data ricorda il bicentenario della scomparsa) - specifichiamo che non sono ricette tratte dall'Artusi, ma ricette delle regioni italiane, come simbolo della sua opera che ha unificato di fatto la nostra cultura gastronomica e culinaria. La caratteristica della preparazione di questa ricetta è che la tria, vocabolo dialettale a indicare una pasta fatta a mano e tagliata a striscioline, va in parte lessata e in parte fritta.  

Ciceri e trie 

INGREDIENTI

  • 240 g di ceci
  • 1 cipolla piccola
  • 1 gambo di sedano
  • 2 carote 
  • 1 foglia di alloro
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • sale, pepe, olio extravergine di oliva q.b. 
  • 80 g di tagliatelle fresche di semola di grano duro 

 

PREPARAZIONE 

  1. Mettere a bagno i ceci per una notte in acqua fredda, scolarli e sciacquarli.
  2. Preparare un soffritto con le verdure, farlo appassire in poco olio e poi unire i ceci.
  3. Lasciare insaporire, coprire con acqua o brodo vegetale e portare a cottura, saranno necessarie almeno 2 ore.
  4. A fine cottura aggiungere la metà delle tagliatelle spezzettate, un cucchiaino di cannella e regolare di sale e pepe.
  5. In un padellino friggere nell’olio le restanti tagliatelle sempre spezzettate e con queste guarnire la zuppa.

Questo piatto vanta origini antiche, che ci riportano  alle celebrazioni agresti per l’equinozio di primavera, quando ci si serviva anche di questa ricetta per utilizzare i legumi vecchi per far posto al nuovo raccolto. 

Bicentenario artusiano

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
Privacy Policy