cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Pastissada de manzo con polenta

Vi proponiamo una gustosa ricetta della tradizione veneta, la pastissada nella versione di Daniela Dal Ben. La Pastissada de manzo è un’antica ricetta veneta, sembra chesia originaria del veronese, dove è preferibilmente realizzata con carne di cavallo, pastissada de caval appunto. Fra le numerose varianti, Daniela Dal Ben di Danieladiocleziano.blogspot propone la sua ricetta di famiglia a cui abbina un vino prodotto nel suo paese.

Ingredienti per 6 persone:

• 1 kg. di manzo
• 1 vasetto di pomodoro del Piennolo
• 500 ml. di vino Raboso
• 1 cipolla bianca di Chioggia
• 1 fettina di lardo
• 1 carota
• 1 spicchio d’aglio
• 1 costa di sedano verde
• ½ limone bio
• 2 chiodi di garofano
• un pizzico di cannella
• rosmarino, salvia, alloro
• sale fino
• pepe nero
• olio extra vergine di oliva AlmaverdeBio
• 400 g di farina di mais integrale Valier

Procedimento: fare un trito con la cipolla, il lardo, il sedano e la carota, rosolarlo per alcuni minuti, poi aggiungere la carne e farla rosolare, aggiungere lo spicchio d’aglio con i due chiodi di garofano conficcati, la salvia, il rosmarino, l’alloro e il mezzo limone diviso in 2 spicchi. Quando la carne avrà preso un bel colore, versarci sopra il vino e i pomodori del Piennolo, coprire il tegame e dopo alcuni minuti spegnere il fuoco. Lasciar riposare il tegame in luogo fresco per almeno 12 ore, l’ideale sarebbe una notte intera. Questo particolare procedimento dona alla carne un sapore forte e molto particolare. Consiglio di usare un tegame di coccio che abbia le stesse dimensioni del pezzo di cane, e dai bordi alti, perché la carne durante le ore di riposo deve essere completamente coperta dal liquido.

La mattina seguente rimettere il tegame sul fuoco e far cuocere a fuoco dolce per almeno 2 or , 2 ore e mezzo. Quando la carne sarà tenera, lasciarla intiepidire, poi affettarla e rimetterla  nel sugo caldo, lasciandola insaporire per alcuni minuti, prima di servirla.

Questo piatto come da consuetudine viene abbinato alla polenta.

Come fare la polenta: portate a bollore l’acqua, aggiungete il sale grosso e la farina di mais a pioggia, mescolate molto velocemente onde evitare il formarsi di grumi, e fate cuocere per 50 minuti, mescolando spesso. Al termine incorporate un filo di olio extra vergine di oliva. Versate la polenta su un paiolo, poi con l’aiuto di un coppapasta ovale della Guardini ricavate delle forme che poi dividerete a metà realizzando degli spicchi.

Vino consigliato: Raboso IGT delle Venezie  link: http://danieladiocleziano.blogspot.it/2012/01/pastissada-de-manzo-con-il-vino-raboso.html.  

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.