cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Pasta allo scarpariello profumo della tradizione napoletana nel piatto

Siete pronti a scoprire tutta la bontà di un antico piatto della tradizione napoletana, per di più facile e velocissimo da preparare? Trattasi della pasta allo scarpariello, un sughettino con i pomodorini freschi, che riuscirà a conquistarvi grazie al suo eccezionale sapore e al suo profumo straordinario! Ve la racconto sia sul mio blog la cuocagalante.com sia sul numero di luglio del mensile cartaceo qbquantobasta con il quale ho incominciato a collaborare. 

Per prepararla bastano solo 20 minuti e 3 ingredienti (oltre alla pasta):

  • pomodorini freschi o in scatola

  • formaggio grattugiato

  • basilico.

Secondo alcuni sembra che l’origine del piatto sia da attribuirsi alle mogli dei calzolai aversani e napoletani, chiamati appunto scarpari, (da non confondere con i solachianelli, artigiani privi di bottega, che giravano con gli attrezzi per i vicoli, per aggiustare le scarpe dei poveri). Questo sugo si preparava di lunedì, ossia durante il giorno di riposo dei calzolai, adoperando il ragù avanzato della domenica e i formaggi grattugiati, offerti agli artigiani da quei clienti che non potevano pagarli con denaro contante. Secondo altri, invece, pare che questo fosse il piatto che gli scarpari si preparavano mentre erano al lavoro, “sul fornelletto dove scioglievano la pece e i colori per le scarpe, tra una ciabatta e l’altra, ripassavano a fiamma lenta la pasta della sera prima o del mezzogiorno e la tiravano via al momento giusto. Il culmine della sapienza era nel cogliere questo attimo, quando, a seconda della pietanza, la pasta si arroscava o si attassava” (cit. Marco Guarnaschelli Gotti).

Nel tempo questo piatto ha sostituito lo strutto con l’olio extravergine di oliva e il ragù avanzato con i pomodorini freschi e si è arricchito talvolta anche con l’aggiunta di pezzetti di fiordilatte.

Un unico ma importante consiglio: non usate la pasta lunga, tipo vermicelli o linguine, perché non avreste lo stesso risultato del sugo che si insinua tra le scanalature di un rigatone o di una pennetta. 

Storia e ricetta della pasta allo scarparielloStoria e ricetta della pasta allo scarpariello

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni