fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Lasagna non è pasta al forno! Scopri la differenza

5 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 5.00

porzione di lasagna napoletana di carnevaleporzione di lasagna napoletana di carnevale

Per i napoletani la lasagna è l vero simbolo della ingordigia e della trasgressione, il piatto custode di tutti gli ingredienti che soddisfano gola e palato. E la lasagna di Carnevale è il massimo della golosità in ogni suo strato. Se in Quaresima è d'obbligo mangiare di magro, prima del digiuno quaresimale è d'obbligo mangiare di grasso e portare in tavola piatti ricchi di carni e di condimenti.  D'obbligo anche usare làgane di grano duro dai bordi arricciati. 

il mio ragùil mio ragù

La lasagna di Carnevale perfetta deve ottemperare alla equilibrata e sapiente distribuzione degli ingredienti all’interno di ogni sfoglia, distribuzione che non è mai casuale.  Indispensabile anche raggiungere il giusto grado di colore della sua crosta arruscata.

le polpettele polpette

È un piatto antico, descritto da Orazio e da Apicio, decantato da Jacopone da Todi e da Cecco Angiolieri, citato nell’Anonimo Meridionale e nel Liber de Coquina, due ricettari della corte Angioina; apprezzata alla corte dei Borbone e da Francesco II, l’ultimo sovrano del Regno delle Due Sicilie, soprannominato per questo “Re Lasagna”.

cervellatecervellate

Come ha scritto Carmine Cimmino, la lasagna napoletana è anche “un modello del mondo filosofico e non soltanto per la varietà delle sostanze, quanto  per la molteplicità dei loro modi di essere”. Ciascuna sfoglia “racchiude il vuoto e il pieno, il concavo e il convesso, il macinato e il grattugiato, l’insaccato e il fluido, la linearità ora diritta, ora ondulata, l’inizio e la fine”.

Scopri QUI la ricetta in dettaglio. 


Copyright © 2009-2022 QUBI' Editore
Riproduzione riservata