cibo, vino e quantobasta per essere felici

Kaiserschmarrn, frittata dell'imperatore

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

In alcuni dialetti austriaci, la parola „Schmarrn“ ha solitamente due significati distinti. Nel linguaggio comune sta per “sciocchezza, stupidaggine”,  nel linguaggio culinario si lega a tutt’altro significato. Il termine infatti individua tutta una serie di piatti tipici della cucina regionale austriaca come, ad esempio, il „Kartoffelschmarrn“ (patate schiacciate e saltate in padella con cipolla) o il più  famoso „Kaiserschmarrn“.
Il „Kaiserschmarrn“, è una sorta di frittata dolce di assai facile preparazione a base di latte, uova, farina e zucchero. Viene solitamente servito sia come dessert che come piatto unico. Intorno all’origine di questo dolce circolano diverse storie. La più nota vuole che il Kaiser Francesco Giuseppe, raggiunta una baita di montagna durante un'escursione nella regione dello Salzkammergut, chiese di poter pranzare. Gli fu servito uno „Schmarrn“ arricchito di uvetta e molto zucchero. Al Kaiser piacque così tanto che questi lo battezzò all’istante „Kaiserschmarrn“ (Schmarrn del Kaiser).
Un’altra leggenda racconta che il dolce fosse stato preparato in origine come dessert per la principessa Sissi e che questa, giudicandolo troppo dolce per i propri gusti lo “cedette” a suo marito il Kaiser. Francesco Giuseppe lo trovò, al contrario, così delizioso che ne fece il suo dessert preferito a corte. A ogni modo, la preparazione del Kaiserschmarrn è davvero facile! Ecco la ricetta in pochi velocissimi passi.
Ingredienti: 250 gr di farina, sale, ¼ di litro di latte, 4 uova, burro e zucchero a velo.
Mescolate in una terrina la farina, il sale e il latte. Montate l’albume delle quattro uova a neve e unitelo delicatamente all’impasto precedentemente ottenuto, avendo cura di aggiungere anche i tuorli. Lasciate sciogliere a fuoco lento in una pentola il burro e versare l’impasto sino a raggiungere uno spessore di mezzo centimetro. Lasciate cuocere l’impasto sino al raggiungimento della doratura su entrambi le superfici della frittata. Utilizzate due forchette per sminuzzare e strapazzare la frittata. Servite caldo sul piatto con abbondante spolveratura di zucchero a velo e per chi lo desiderasse con della mousse di mela o con della composta di prugne. (Fonte. Maria Voigt, Kochen nach Grundrezepten, Wien)
Ma voglio dare un ultimo consiglio per chi volesse provare questo delizioso dolce. Il miglior Kaiserschmarrn della mia vita l’ho assaggiato presso la „Erentrudisalm” (www.erentrudisalm.at), una Gasthof-Pensione immersa tra i monti del Salisburghese. Per chi volesse coniugare i piaceri del palato con un panorama mozzafiato non deve mancare l’appuntamento cogliendo magari l’occasione di una visita alla città di Salisburgo.
Foto Credit: “Martina.malzer” Kaiserschmarrn mit Zwetschkenröster“
La ricettà è stata pubblicata sul mensile qbquantobasta - gusto e buongusto nell'euroregione


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.