cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Ricetta creata in esclusiva per qbquantobasta - clicca qui per scoprire altre ricette

Chiedilo a qb

Come fare gli žlikrofi di Idrija

Gli zlikrofi di IdriaGli zlikrofi di IdriaA qualche decina di chilometri dal confine italiano, nella regione della Goriška, in Slovenia, in una valle tra i boschi vi attende Idrija, famosa per la sua miniera di mercurio più grande d'Europa, per gli straordinari merletti e per una famosissima specialità gastronomica. Gli žlikrofi di Idrija sono un piatto nazionale sloveno preparati con un ripieno di patate cipolla, pancetta ed erbe aromatiche e dalla tipica forma "a cappello di Napoleone". Nell 2002 hanno ottenuto il riconoscimento di piatto nazionale. Questi ravioli sono il piatto delle feste in tutte le famiglie di Idrija, mentre i ristoranti ti dove vengono serviti riportano un distintivo giallo e marrone con la scritta "Cibo tradizionale servito" e il logo della Società per la promozione e la protezione dei piatti tradizionali. La popolarità di idrijski žlikrofi non mostra segni di declino; la produzione e il consumo sono in forte crescita. Secondo alcune cifre, nevengono prodotti e consumati ogni anno circa 50 tonnellate.

Ingredienti per la sfoglia all'uovo

  • 250 g di farina 00

  • 2 uova

  • Un goccio di latte

  • Sale

Ingredienti per il ripieno

  • 500 g di patate a pasta gialla

  • 50 g i lardo tritato

  • Una piccola cipolla

  • Un mazzetto di erba cipollina tritata

  • Un cucchino di foglie di maggiorana

  • Sale e pepe

Preparazione

Preparate la sfoglia per i ravioli impastano la farina assieme alle uova e al sale. Se necessario, aggiungete un goccio di latte. Lasciate riposare la pasta per 20 minuti coperta da un telo da cucina.

Lavate le patate e lessatele con la buccia. Una volta cotte, riducetele in purea con lo schiacciapatate, radunatele in una ciotola, salatele e pepatele leggermente.

A parte in una padella, senza aggiungere condimento, soffriggete il lardo tritato fino a renderlo croccante assieme alla cipolla tritata finemente. Aggiungetelo quindi alle patate assieme all’erba cipollina tritata, alla maggiorana e mescolate bene il tutto. Prelevate delle palline di ripieno grandi quanto una nocciola e riponetele su un piatto.

Stendete la sfoglia più sottile possibile con la macchina per la pasta o con il mattarello. Ritagliate con un coltello affilato delle strisce lunghe di pasta, larghe almeno 6 – 8 cm. Posizionate una pallina di ripieno di patate al centro e richidetele arrotolandole nella sfoglia. Tagliate la pasta in eccesso, posizionateli “in piedi” e appiattiteli con il dito dando la tipica forma a “cappello di Napoleone”.

Lessate quindi i ravioli in acqua bollente salata. Raccoglieteli una volta venuti a galla e conditeli con burro fuso o con sugo d’arrosto o di selvaggina ed erba cipollina tritata.