cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Ricetta creata in esclusiva per qbquantobasta - clicca qui per scoprire altre ricette 

Ricette , Giulia Godeassi

BRIOCHE NATALIZIA ALLA FRUTTA E SPEZIE

Il dolce che vi propongo è la mia versione dello Stollen (più correttamente Christstollen),  tipico dolce natalizio tedesco. E' una pasta dolce lievitata, ricca di burro e frutta secca e canditi, soprattutto mandorle, uva passa, cedro e arancio candito, spesso ricoperta di zucchero a velo. La prima notizia documentata di questo dolce risale al 1329 a Naumburg, mentre a circa 150 anni dopo (1474) risale la prima citazione del dolce nella città di Dresda: da allora la città e il dolce sono indissolubilmente legati ed il Dresdner Stollen (Stollen di Dresda) è coperto da indicazione geografica protetta. Dopo la cottura, nella ricetta originale, il dolce non viene consumato subito, ma dopo circa tre settimane. In altre versioni vengono aggiunti, a seconda delle zone, marzapane, ricotta, vino rosso, mele, prugne o nocciole.

Ingredienti: per 1 treccia grande
350 g di farina forte (Manitoba)
¼ di cucchiaino di sale
50 g di zucchero
4 g di lievito di birra secco
150 ml di latte
100 g di burro, ammorbidito
1 uovo, sbattuto
40 g di mirtilli disidratati
50 g di uvetta
25 g di scorza d’arancia candita
25 g di pistacchi, tritata mano
la scorza di un limone non trattato
i semi di una bacca di vaniglia
1 cucchiaino di cannella
qualche cucchiaio di panna per spennellare
zucchero a velo per servire

Preparazione
Versate la farina setacciata in una ciotola. Aggiungete lo zucchero, la cannella, i semi della vaniglia, la scorza di limone e il lievito secco. Mescolate il tutto. Iniziate a impastare aggiungendo le uova e versando a filo il latte intiepidito. Aggiungete infine il burro morbido. Lavorate il tutto sino a quando l’impasto avrà ottenuto una consistenza omogenea. Aggiungete la frutta secca, la scorza d’arancia candita tagliata a pezzetti, e i pistacchi. Lavorate ancora, formate una palla e riponetela in una ciotola; copritela un pezzo di pellicola alimentare e lasciate lievitare fino al raddoppio del volume.

Dividete il composto in 2 parti, arrotolateli sulla spianatoia leggermente infarinata e arrotolateli tra di loro a mo’ di treccia. Trasferite la brioche su una teglia rivestita con la carta forno, copritela e fatela lievitare per 1 ora. Spennellatela quindi con poca panna.

Riscaldate il forno a 190°C. Infornate la brioche e cuocetela per 35 minuti fino a quando la superficie del pane apparirà ben dorata. Estraete la treccia dal forno e lasciatelo raffreddare 5 minuti prima di sistemarlo su una griglia da raffreddamento. Una volta freddo, spolveratelo con zucchero a velo e servite.

La ricetta è stata pubblicata sul mensile qbquantobasta. 

 

Informazioni