cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Ricetta creata in esclusiva per qbquantobasta - clicca qui per scoprire altre ricette

Village night & Land of fashion

Village nightVillage night

Sabato 31 agosto 2019 dalle 19 al Palmanova Outlet Village per la “Village Night”, l’evento “Land of Fashion” che unisce degustazioni d’eccellenza, musica e territorio. Per una serata i migliori prodotti del Friuli Venezia Giulia e del Belpaese troveranno casa tra le vie del Village.
A partire dalle 19 nelle quattro isole di degustazione, appositamente allestite, si potrànno degustare, in un percorso unico, i vini di 24 cantine del Friuli Venezia Giulia: Bastianich, Bolzicco, Broilo, Ca’ Di Bon, Castello Di Spessa, Dario Coos, De Lorenzi, Di Lenardo, Fossa Mala, I Magredi, Kurtin, La Ginestra, Livon, Moschioni, Norina Pez, Orzan, Perusini, Poggiobello, Renzo Sgubin, Specogna, Tenute Tomasella, Terre Rosse, Tiare, Valpanera.

Un’isola ospiterà i vini della Land of Fashion: per la Puglia San Marzano, Torrevento; per il territorio del Franciacorta La Montina, Bersi Serlini; per la Toscana Consorzio Chianti, Consorzio Vino Nobile di Montepulciano e, infine per il territorio mantovano il Consorzio Vini Mantovani e Lugana.

Un’isola, infine, vedrà la presenza di 5 birrifici artigianali: Birrificio Cittavecchia, Borderline Brewery, Forum Iulii, L’Olmaia e Sauris Agri Beer – Zahre Beer. Saranno presenti anche stuzzicherie di accompagnamento, piatti studiati ad hoc per l’appuntamento enogastronomico dai punti ristoro del Village (Dall’Ava dal 1988 prosciutteria con cucina, WellDone Burger – Tortellino – My Coffice e Autogrill - Spizzico Purogusto - al Dente) o di food e ristorazioni d’eccellenza esterne presso le isole degustazione come Dentesano, Osteria Campana D’Oro, Caffetteria Torinese.


Alle 21.00 il Village ospiterà il concerto di Luca Carboni. L’edizione 2019 sarà impreziosita dalla Street Music, sia in pre-show dalle 19 alle 21, che dalle 22.30 fino a mezzanotte.
 Per l’occasione i negozi del Village resteranno aperti fino alle 24: per fare shopping tra stelle e note.

> La sera dell’evento potrete recarVi all’infopoint per ritirare il token omaggio riservato a vostro nome.
>
>
> L’occasione ci è gradita per porgere cordiali saluti
>

Chiedilo a qb

Conoscete â Cjallèdde?

Paolo Leoci ci racconta qui i passaggi necessari per preparare al meglio â Cjallèdde, piatto tradizionale della cucina povera pugliese, ricca di ecotipi locali, fresca e leggera, adatta a pasti frugali estivi. Di seguito i passaggi essenziali per la preparazione. Naturalmente la disponibilità di prodotti tipici locali rende il tutto più golosamente magnificente. leoci sugoleoci sugo

Schiacciare i pomodori Regina maturi, freschi o al filo, dopo averli pelati, al fine di creare una spremuta sul fondo della coppa, aggiungere aglio tagliato molto finemente, origano e olio fruttato intenso con mediane del piccante e amaro notevoli, le Cultivar Coratina e/o Cima di Mola vanno benissimo.  Tagliare in 4 i pomodori. 

Utilizzare la Cipolla di Acquaviva delle Fonti, ottima da mangiare cruda per sapore delicato e profumato...

Non piangete! Sminuzzate la cipolla a fette e tagliate a tocchetti ecotipi locali di "Cucumis melo" quali Barattiere e Scopatizzo...

Aggiungere pomodori Fiaschetto e/o Perina di Egnathia maturi e un cornaletto verde, meglio se Diavolicchio di Carovigno.
Aggiungere già spezzati in parti uniformi e bagnati in acqua fresca e salata al punto da ottenere la giusta arrendevolezza alla masticazione, il tarallone di farina 0 di Monopoli, la Frisa salentina d'orzo e la Frisella di semola da grano Senatore Cappelli. Amalgamare per bene e adornare con basilico fresco.

Seguite Paolo Leoci anche sulla pagina FB

vegood, veg

Panzanella di anguria

La panzanella di anguria è un interessante antipasto “svuotafrigo”, che può diventare anche un piatto unico. L’anguria è una valida alternativa al classico pomodoro perché è fresca, dolce e consistente. Si sposa benissimo con la piccantezza della cipolla e il retrogusto amarognolo del pane di segale. Nella mia proposta ci sono quasi tutti gli ingredienti base di questo piatto tipico della Toscana e dell'Italia centrale.  Perfetta per il mare, la panzanella di anguria è il mio nuovo piatto da spiaggia preferito, ma diventa anche un'ottima e inconsueta compagna della pausa pranzo. 

INGREDIENTI: *4 fette di anguria *4 fette di pane di segale *2 cetrioli *300 g feta *1 cipolla rossa di Tropea *6 cucchiai olio evo *3 cucchiai senape dolce *1 cucchiaino miele *qualche foglia di basilico *Sale e pepe qb

PROCEDIMENTO: 

Come prima cosa preparare l’anguria, privandola dei semi e tagliandola a cubetti di 1cm di spessore.

A parte tostare il pane di segale affinché diventi croccante. Lasciare raffreddare.

Nel frattempo tagliare sottilmente una cipolla rossa. Per evitare l’ossidazione, porre la cipolla tagliata in una ciotolina di acqua fredda con qualche cubetto di ghiaccio.

Unire quindi, in una ciotola capiente, tutti gli elementi della ricetta: l’anguria, la cipolla, il feta precedentemente tagliato a cubetti, così come il cetriolo. Per ultimo unire il pane di segale tostato e qualche fogliolina di basilico fresco. Condire la panzanella con un filo d’olio evo, del sale e del pepe.

A parte preparare la vinagrette con i 6 cucchiai di olio evo, i 3 di senape dolce, il cucchiaino di miele, il sale e il pepe. Mescolare bene e servire in accompagnamento.

 

Anche i muri raccontano

Stemma affrescato Casa dei Capitani PordenoneStemma affrescato Casa dei Capitani Pordenone

Visita guidata a cura di Susi Moro mercoledì 21 agosto con partenza alle 18.30 dalla loggia del Municipio di Pordenone.  Stemmi, iscrizioni e lapidi narreranno la storia della città. Molto spesso le tracce della storia restano impresse davanti ai nostri occhi talvolta distratti, mostrandosi in varie forme e modalità proprio sui muri della città. Anche la città di Pordenone conserva ancora in parte i segni della sua storia: negli stemmi dipinti sulle facciate dei palazzi di Corso Vittorio Emanuele, nelle insegne e nelle iscrizioni scolpite sulle lapidi ritrovate sotto il pavimento del Duomo di San Marco, nelle lapidi commemorative sparse in vari luoghi del centro storico. Storie illustri, eventi dimenticati, vicende intriganti si snodano a partire da una data, un nome, una frase.

Orto sinergico al Dolada

Viti resistenti al DoladaViti resistenti al Dolada

Continua la fusione tra l'azienda agricola e il mondo del ristorante Dolada a Pieve d'Alpago.  A novecento metri di altitudine, bene esposte al sole, sono state piantate oltre 2500 viti resistenti ben distanti tra loro alternate ad ortaggi: fagioli, mame dell'Alpago, taccole, patate, sedano, cavolfiori, rape. L'orto e il vigneto sono coltivati come una volta e secondo i principi dell'orto sinergico. 

Potrebbe interessarti anche Pranzo di Ferragosto al Dolada

PIATTI DI FERRAGOSTO LA MAPPA DELLA FIPE

Mappa di Ferragosto della FipeMappa di Ferragosto della Fipe

E' nel nome dell'imperatore Augusto che è nato il Ferragosto (da Feriae Augusti). Una tradizione che ancora oggi si celebra anche a tavola. E ogni regione ha la sua ricetta. Controllate la vostra conoscenza in merito. In Trentino sono protagonisti i classici canederli, gustose polpette di pane e speck, in Val d'Aosta la Seupa à la Vapelenentse, una zuppa che prende il nome dal villaggio Valpelline, a base di pane, fontina e brodo di carne. In Lombardia è d'obbligo il classico minestrone, nella versione fredda

In Veneto e in Liguria si vira sul pesce, con le sarde in saor e la capponadda, una fresca insalata di mare con tonno, acciughe, pomodoro e olive. Friuli Venezia-Giulia ed Emilia Romagna puntano sulla pasta ripiena con i Cjarsons e i cappelletti al ragù. Gli unici a puntare sul dolce sono i piemontesi, con un dolce tipico del Ferragosto che è la Margheritina di Stresa, un biscotto la cui particolare fragranza viene data dalla presenza, negli ingredienti, del tuorlo d’uovo sodo setacciato e ridotto a farina.

Arrivando al cuore della penisola troviamo in Toscana il piccione arrostito, una tradizione nata in epoca carolingia. In Umbria il piatto forte sono gli gnocchi al sugo di papera, nelle Marche troviamo l’oca arrosto. Anche in Molise va alla grande un piatto piuttosto rustico con i cavatelli al sugo di maiale. Invece, a Roma come in tutto il Lazio, non è ferragosto senza il pollo in umido con i peperoni, piatto godereccio e perfetto anche per gli amanti della scarpetta finale. 

In Campania il piatto dominante in occasioni come il 15 agosto è la cosiddetta Pizza di Maccheroni, nè un primo piatto di spaghetti nè una classica frittata. Un piatto unico da gustare rigorosamente a fette. In Puglia sono un caposaldo le orecchiette con cime di rapa, in Basilicata si va sulla carne con l’agnello alla lucana. In Calabria ancora pasta, questa volta al forno. La pasta chijna (cioè ripiena) è un classico del pranzo della domenica o delle festività, come appunto il Ferragosto. Probabilmente la versione più conosciuta della pasta al forno alla calabrese è quella con il ragù e le polpettine ma c’è anche un’altra variante, quella con la soppressata. Dulcis in fundo abbiamo le isole con i culurgiones di patate sardi, una pasta ripiena, e il tipico Gelo di Melone siciliano. L’ingrediente principale di questo dessert fresco, è l’anguria, che in Sicilia come in altre zone del sud Italia viene comunemente definito “melone”.

 

Guarda che stella!

Rivignano in festa dal 15 al 18 agosto 2019.  Musica dal vivo. Le serate avranno inizio alle 19.00 con l'apertura degli stand enogastronomici gestiti da quattro ristoratori locali: la Pizzeria "La Tarabane" Rivignano, il Ristorante Principato di Ariis, il Ristorante Al Morarat e l' Agriturismo da Gastone. Potrete gustare le loro specialità in un vero e proprio ristorante “a cielo aperto”!

Pranzo di Ferragosto al Dolada

“L'odore mi fa ricordare... un pranzo in famiglia con una teglia di arrosto e delle patate dolci durante un pazzo agosto in una città del Midwest. Gli odori esplodono morbidamente nella nostra memoria come mine terrestri cariche nascoste nella massa cespugliosa degli anni.” Diane Ackerman. Al Dolada di Alpago propongono un menu completo per le famiglie che si riuniscono per un pranzo conviviale. 

Menu
▪ Maccheroncini freddi con zucchine, basilico e dentice marinato
▪ Torta di ortaggi della nostra fattoria e gamberi soffiati
▪ Riso mantecato ai funghi dell’Alpago e fiori selvatici
▪ Insalata tiepida di maialino laccato al miele e mandorle croccanti
▪ Anguria e vodka glacé
▪ Tarte Tatin di pesche tabacchiere e gelato al latte

€ 85,00 info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 0437 479141

Ricordate mister Charlie?

Lunedì 12 agosto 2019  alla discoteca Mr. Charlie di Lignano Riviera (Ud) grande viaggio con la musica in vinile.  Gli appassionati dei colorati vestiti a fiori, dei pantaloni a zampa di elefante, sandali con tacco, occhiali tondi e giganti e bandane sono già in fermento. Sta per arrivare un'altra serata promossa anche dagli amici del Ceghedaccio, che stavolta porta l'energia della musica pop e dance anni Settanta direttamente al mare per una serata all'insegna dei “figli dei fiori”. Risuoneranno le musiche dei Led Zeppelin, The Kinks, Dire Straits, Queen, Pooh, Pink Floyd, The Who, The Doors, Rolling Stones, The Beatles, David Bowie e molti altri ancora.

La serata dal mood vintage “The flower of love” ricorda lo slogan "facciamo l'amore e non la guerra" come ai tempi di Woodstook. Dalla consolle arrivano i deejay che ormai tutti gli appassionati di questo genere musicale conoscono, ovvero Renato Pontoni, Massimo Rossini,  e Carlo P. Una serata aperta a tutti.  Le porte della nota discoteca lignanese si apriranno già alle 21 per la cena a buffet, solo su prenotazione e fino a esaurimento posti; il via alle danze inizierà alle 23.

A Sutrio per riscoprire la Magia del legno


Magia del legno a SutrioMagia del legno a Sutrio

Scultura, intarsio, restauro, pirografia, lavorazione del legno in tutte le sue forme. In ogni cortile, sotto ogni antico porticato di Sutrio domenica 1 settembre 2019 decine di falegnami, artigiani, intagliatori, scultori mostrano l’abilità del loro mestiere lavorando davanti al pubblico, accompagnati dal suono della fisarmonica e di antichi strumenti tradizionali. Alcune delle opere rimarranno ad abbellire le strade del paese e arricchiranno il museo en plein air che caratterizza il borgo.

A SUTRIO LUNGO LE VIE DEL BORGO 

Sculture artistiche e oggetti d’uso quotidiano, mobili tipici e giocattoli, incisioni decorative e complementi d’arredo sono esposti sulle bancarelle di un caratteristico Mercatino.

Da visitare il cosiddetto Presepio di Teno, realizzato nel corso di 30 anni di lavoro dal maestro artigiano Gaudenzio Straulino (1905-1988), che vi ha riprodotto in miniatura (e in movimento) le architettura e le attività della Sutrio di un tempo, con le case, la chiesa, le botteghe, i mulini, le segherie, le malghe, i lavori della fienagione.

Dedicati al legno sono anche gli incontri, i laboratori, le attività in programma per tutta la giornata, con una particolare attenzione ai bambini, che sono intrattenuti con giochi e laboratori didattici. Nelle trattorie e negli stand allestiti negli angoli più caratteristici del paese si gustano piatti tradizionali. 

Preludio a Magia del legno, l’ultima settimana d’agosto si svolge il Simposio internazionale di Scultura su Legno “Semplicemente legno”.

 

Ufficio Stampa: AGORÀ di Marina Tagliaferri Tel: +39 0481.62385 - www.studio-agora.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Metti una sera a palazzo Ricchieri

Giovedì 22 agosto 2019 alle 18.30 al Museo Civico d’arte visita guidata “Metti una sera a palazzo Ricchieri” (prenotazione obbligatoria 0434520381 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. alla scoperta dei capolavori ivi racchiusi, a partire dalla opere di Giovanni Antonio de’ Sacchis. Palazzo Ricchieri è uno degli edifici più antichi di Pordenone, lasciato in eredità al Comune nel 1949 dal conte Lucio Ernesto Ricchieri di Sedrano, con l'impegno da parte dell’ente pubblico di adibirlo “ad uso biblioteca, pinacoteca, archivio”, nonché di “conservare all’immobile il nome di Casa Ricchieri”. Tra le caratteristiche più belle del palazzo si possono ammirare le storie affrescate di Tristano e Isotta (inizi sec. XV), la serie di tavolette o cantinelle, già collocate originariamente come intertravi da soffitto, che illustrano scene d’amore, di duello, di caccia, di vita sociale, legata alla traduzione locale dei grandi poemi delle Chansons de geste,e un bestiario medievale, composto da unicorni, draghi, serpenti volanti. Da non perdere anche il tesoro di San Marco, uno dei più pregevoli nuclei di oreficeria gotica in Friuli, e la sezione di sculture lignee:  nella foto l’altare ligneo di Giovanni e Domenico Mioni da Tolmezzo, risalente all’anno 1509.

Farra Wine Festival

 Colmello di GrottaColmello di Grotta

A Farra d’Isonzo quinta edizione - questa del 2019 - del Farra Wine Festival – Food & Wine Experience. Appuntamento il 24 agosto, a partire dalle 19.00. Dove? Nella straordinaria corte dell’azienda Colmello di Grotta. Una kermesse dei vini delle migliori cantine di Farra d’Isonzo, del Collio, del Carso, del Brda, delle Vipavska dolina e dei Colli Orientali abbinati alle specialità culinarie di alcuni dei più rinomati ristoranti della zona.

Un percorso alla scoperta dei sapori della tradizione locale, salumi, formaggi, pane, miele e aceto balsamico accompagnati dalle bollicine di Piedimont, finger food in abbinamento a vini fermi e macerati, i dolci dell’Oca golosa, il caffè della Torrefazione Goriziana e distillati di tutta la Regione presentati dall’Anag. Oltre 50 le aziende presenti. qbquantobasta sarà presente e voi ci sarete?

Le aziende del Contado di Farra d’Isonzo sono anche, da quest’anno, gli organizzatori dell’evento Farra Wine Festival:  l’Azienda agricola Bressan mastri vinai, Borgo Conventi, Colmello di Grotta, La Bellanotte, Jermann, Tenuta Villanova e Villa Parens. L'evento è entrato a far parte anche del circuito “Strada del vino e dei Sapori”.  

Inoltre, come nell'edizione 2018, ci sarà una rappresentanza di vini e specialità regionali di Sicilia e Puglia.

 

è bello ed è gratis

A Gorizia nuovi tablet interattivi in Castello

 

In occasione del Ferragosto il Castello di Gorizia apre le sue porte ai visitatori con la bella sorpresa dell'ingresso gratuito. L'occasione giusta anche per chi non è in vacanza di scoprire le nuove videoguide. Disponibili in quattro diverse lingue (italiano, inglese, sloveno, tedesco), le videoguide sono state realizzate grazie alla tecnologia Beacon: all’accesso nelle varie sale, il tablet segnalerà la posizione del visitatore senza bisogno di consultare la mappa, che rimane comunque a disposizione per scoprire le altre zone del castello. Le guide sono comprensive, oltre che di foto e contenuti audio e video, anche di ricostruzioni in 3D e contenuti 360° che completano e valorizzano la visita. Ad arricchire gli itinerari due giochi che riprendono la storia e le ambientazioni del castello e che saranno a disposizione dei più piccoli, under 14 , per imparare divertendosi. “Il castello di Gorizia si arricchisce di un nuovo servizio che consentirà anche a chi non fa parte di gruppi con guide al seguito, di conoscere la storia del maniero" sottolinea il sindaco , Rodolfo Ziberna. 

Potrebbe interessarti anche Concerto di Ferragosto a Gorizia

 

 

Concerto di Ferragosto a Gorizia

Athanor Guitar QuartetAthanor Guitar Quartet

Giovedì 15 agosto 2019 la Stagione concertistica itinerante “Note in città” prevede a Gorizia - a cura della Casa delle Arti - l'esibizione dellll’Athanor Guitar Quartet, in un suggestivo programma di musiche spagnole con la partecipazione straordinaria del pianista Pablo Diaz Cazares. La serata avrà inizio alle 21 nel Giardino di Palazzo De Grazia.

Calici di Stelle continuano ad Aquileia

Calici di Stelle ad AquileiaCalici di Stelle ad Aquileia

Organizzato da Movimento Turismo del Vino FVG in collaborazione con il Comune di Aquileia e il supporto dell’Associazione Imprenditori Città di Aquileia – Club di Prodotto Aquileia te Salutat e il Consorzio Doc Aquileia, l'appuntamento Calici di Stelle 2019 prevede due serate ad Aquileia in piazza Capitolo: domenica 11 e lunedì 12 agosto, a partire dalle 19.30 fino alle 24.  Saranno presenti 17 cantine e potrete accompagnare le vostre degustazioni di vino con assaggi dei prodotti tipici dell’Agro Aquileiese realizzati da: Alla Colombara, Al Granaio, Hotel Ristorante Patriarchi, panetteria Sandrigo e pasticceria Mosaico.

Accompagnamento musicale con concerti in piazza, spettacoli e interessanti percorsi esperienziali alla scoperta dell'eredità culturale di Aquileia: Night Tours che toccheranno il Museo Archeologico Nazionale, aperto eccezionalmente anche di lunedì, il Sepolcreto Romano, la Domus e il Palazzo Episcopale, siti aperti in notturna esclusivamente per l'evento grazie alla collaborazione con la Fondazione Aquileia e il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia. Domenica 11 sono previste visite gratuite al Sepolcreto Romano, la Domus e il Palazzo Episcopale. Potete raggiungere in autonomia i siti, aperti fino alle 23.00, per una visita, sarete accompagnati da guide presenti in loco.

Lunedì 12 sarà possibile: visitare con ingresso gratuito Domus e Palazzo episcopale (piazza Capitolo); visitare con ingresso gratuito il Sepolcreto (via XXIV maggio) visitare il Museo Archeologico Nazionale (via Roma, 1) e la mostra "Magnifici Ritorni" (biglietto € 10,00) fruendo di una visita guidata con prenotazione obbligatoria e della durata di 50 minuti circa con partenza alle 19.30, alle 20.30 e alle 21.30 dalla biglietteria del museo. Il Museo è comunque visitabile in autonomia e senza prenotazione dalle 19.00 alle 23.00 (la biglietteria chiude alle 22.00). Il tour completo e coordinato da un addetto di Calici di Stelle della durata di 1 ora e mezza circa con visita guidata al Museo Archeologico Nazionale e alla mostra temporanea "Magnifici Ritorni" (biglietto € 10,00), al Sepolcreto e alla Domus e Palazzo episcopale. Il tour parte alle 19.25, alle 20.25 e alle 21.25 da Piazza Capitolo. La prenotazione è obbligatoria. Per informazioni su tutte le attività della serata e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure 0431.91035

 

Il racconto dei mulini e le pozze smeraldine in Val Tramontina

Mulino Pradiel mulino di montagnaMulino Pradiel mulino di montagna

Appuntamento domenica 18 agosto 2019 con lo spettacolo, “Il Racconto dei mulini” di e con Bruna Braidotti, con l'escursione all'incanto naturale delle pozze smeraldine e al mulino Pradiel tipico mulino di montagna: partenza alle 15.30 dal Centro Visite di Tramonti di Sopra. Lo spettacolo si svolgerà invece alle 19 a Borgo Titol, borgo perfettamente ristrutturato e recuperato alle antiche tradizioni contadine tra agricoltura e allevamento.

Borgo TitolBorgo Titol

A conclusione una cena con le specialità della Val Tramontina. “Il Racconto dei mulini” fa parte del progetto “Le vie d’acqua: l’eredità di Leonardo” della Compagni di Arti e Mestieri. Il mulino sarà raccontato da mugnaie e nobildonne, mogli, figlie e donne d’oggi che ruotano attorno al mugnaio/ musicista interpretato dal fisarmonicista Nicola Milan, in un chiacchiericcio della quotidianità che appare il retrobottega della Grande Storia. Sullo sfondo il suggerimento che i conflitti contemporanei sull’energia sono nodi creati nel Medioevo dal girare delle pale con la forza dell’acqua.

 Bruna Braidotti ph Elisabetta MasiBruna Braidotti ph Elisabetta Masi

Da Pordenone è previsto un pullman per raggiungere Tramonti con partenza alle 14.00 (prenotazioni tel. 043440115).
Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel 043440115.

 

Music System Italy gran finale

cc

L'11 agosto 2019 alle 18 sotto la Loggia del Lionello in piazza Libertà a Udine gran finale di Music System Italy con 50 musicisti da tutto il mondo.  A conclusione dei corsi di alto perfezionamento e dopo le applaudite serate in regione, i protagonisti di questa avventura si esibiranno tutti assieme (nella foto il concerto del 9 agosto scorso a Udine). Quattordici giovani professionisti giapponesi, più di una ventina di altri giovani studenti provenienti da Australia, Alpe Adria e Italia, dieci insegnanti maestri nelle più prestigiose orchestre d'Europa. Direzione artistica di Ottaviano Cristofoli. Un unico comune denominatore per i 50 musicisti, la musica all'insegna dello scambio culturale. In programma anche un brano Alessandro Orologio, figlio di Pellegrino, costruttore del grande orologio di piazza Libertà e manutentore di tutti gli orologi pubblici della città di Udine nel 1500.

 

Informazioni