cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Ricetta creata in esclusiva per qbquantobasta - clicca qui per scoprire altre ricette

Ricette , Giulia Godeassi

Timballo aragonese

TIMBALLO ARAGONESETIMBALLO ARAGONESE

Il protagonista del pranzo nei giorni di festa ad Aragona, piccolo comune dell’entroterra agrigentino, è il TegameTaganu o Teganu in dialetto –, un timballo di rigatoni conditi con macinato misto di manzo e maiale, salsa di pomodoro, uova battute e tuma a fettine. Pur sembrando un piatto unico, come nelle migliori famiglie del Sud, è solo l'apice di tutto il pranzo delle feste. Di norma, per tradizione, a questa pasta al forno seguiva l'agnello, cotto in tegami di coccio al forno e insaporito con rosmarino, vino bianco e cipolle, e i dolci, come le cassatine di ricotta e le paste di mandorla.

La ricetta che vi propongo è stata pubblicata sul mensile qbquantobasta, nel numero di marzo 2018 (Gli abbonati a qb digitale trovano qui la copia in PDF)

INGREDIENTI PER 6 PERSONE

  • 400 g di rigatoni
  • 200 g di polpa di maiale tritata
  • 100 g di polpa di manzo tritata
  • 1 cipolla
  • mezzo bicchiere di vino rosso
  • 400 ml di passata di pomodoro
  • 300 g di formaggio tipo tuma o caciotta fresca
  • 8 uova
  • 100 g di pecorino grattugiato
  • 1 foglia di alloro
  • olio extravergine di oliva q.b
  • un pizzico di cannella
  • pangrattato q.b
  • sale e pepe

PROCEDIMENTO

Tritate finemente la cipolla e soffriggetela in un tegame con un paio di cucchiai d’olio d’oliva assieme alla carne tritata di manzo e maiale, sale e pepe. Aggiungete la foglia d’alloro, un pizzico di cannella e sfumate con il vino rosso. Quando il liquido sarà evaporato, aggiungete la passata di pomodoro, un mestolo d’acqua bollente, abbassate la fiamma e fate cuocere a fuoco basso per almeno 2 ore, rimestando spesso.

Fate lessare al dente i rigatoni in acqua salata. Scolateli e conditeli con il sugo di carne preparato. Oliate uno stampo tondo e passatelo con il pangrattato. A parte sbattete le uova assieme a un pizzico di sale e il pecorino gratuggiato. Procedete nella preparazione del timballo disponendo un terzo della pasta condita sul fondo dello stampo. Coprite con un terzo di tuma o caciotta ridotta a fettine e versate un terzo delle uova sbattute assieme al pecorino. Procedete secondo questo ordine fino a esaurimento degli ingredienti. Terminate con un po’ di formaggio grattugiato.

Scaldate il forno a 180°C e cuocete il timballo per almeno 30 – 40 minuti. Una volta pronto, estraetelo dal forno e lasciatelo riposare una decina di minuti prima di servirlo.

Informazioni