cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Flamenquines "a porter"

Si tratta di una rivisitazione “alleggerita”dei celebri flamenquines, involtini tipicamente spagnoli preparati con carne di manzo, ma anche salsiccia e verdure, qui….solo verdure, ma molte, moltissime!

Servono:

1 porro

3 carote

1 mazzetto di biete da taglio

2 cipolle

1 peperone rosso

1 peperone giallo

20 peperoni dolci piccoli

1 peperoncino piccante fresco

1 uovo

Pan grattato

Nocciole

Olio arachide

10 spaghetti,

Sale, pepe, cumino, prezzemolo, limone, olio evo

Procediamo:

In una pentola d’acqua bollente salata sbianchire il porro tagliato in tronchetti di 10 cm, le cipolle private della prima pelle e tagliate a metà, le biete lavate e le carote pelate e tagliate in tocchetti di 10 cm.

Scolare e fermare con acqua e ghiaccio( mantenere le carote qualche minuto in più).

Infornare i peperoni interi preventivamente lavati, compresi i piccoli dolci e portare a cottura.

Asciugare bene le verdure.

Sfilare gli “anelli” di porro.

Stendere i fogli di bieta, asciugare ancora ed appiattire bene, collocare sopra un cilindro di carota( che sarà quindi l’elemento centrale) ed avvolgere totalmente.

Stendere ora le cipolle su di un foglio di pellicola e formare una sorta di “lenzuolo”, sono flessibili, non sarà difficile.

Disporre sopra il roll di bieta ed avvolgere aiutandosi con la pellicola.

Inserire il tutto in un primo anello di porro che renderà più stabile e compatto l’involtino.

Inserire ora l’intero flamenquin in un piccolo peperone dolce privato delle estremità e dei semi interni.

Avvolgere ancora in un foglio di bieta e successivamente in una falda di peperone variando i colori( se il peperone piccolo era giallo usatene ora uno rosso).

Stringere bene a caramella in un foglio di pellicola e riporre in frigo per 30 minuti.

Mescolare pan grattato e le nocciole tostate e tritate.

Battere l’uovo e passarvi i flamenquines, successivamente rotolare nella panure.

Portare l’olio di arachide a temperatura e friggere tutti gli involtini.

Scolare, lasciare intiepidire, con un coltello ben affilato tagliare in 5 parti( circa 2 cm).

Inserire ogni rondella fritta in un ultimo anello di porro ridotto alla stessa dimensione.

Infilare sugli spaghetti secchi piccolissimi quadratini di carota sbollentata( circa ½ cm), passare in acqua bollente salata, scolare molto al dente e poi friggere dando la forma desiderata( in questo caso una U)

Asciugare su carta assorbente ed infilare le due estremità ai lati del flamenquin come da foto.

Preparare il condimento con limone, sale, pepe, olio evo, peperoncino fresco, cumino e prezzemolo tritato.

Irrorare abbondantemente i flamenquines e servire tiepidi

Chef Fabiana del Nero

Tagli  e Intagli

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.