cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Carpaccio di pesche nettarine e trota salmonata affumicata

Carpaccio di Pesche Nettarine e Trota Salmonata Affumicata: in un piatto 2 eccellenze del Friuli Venezia Giulia.   Una ricetta intrigante di Libera Pincin di  accantoalcamino's blog. Una nuova ricetta per il primo concorso regionale  delle foodblogger FVG "le pesche nel piatto", in collaborazione con il comune di Fiumicello.  Eccovi il post e la ricetta.

 

Proprio giorni fa scrissi di un'Azienda della zona di Fiumicello, gestita da giovani, che produce marmellate con la propria frutta e dopo qualche giorno mi arriva l'invito a partecipare ad un concorso riservato a foodblogger della Regione, l'ingrediente proposto da utilizzare per la ricetta, dolce o salata che sia è la Pesca, regina incontrastata in questo periodo nella zona di Fiumicello.

Il concorso è aperto anche ai foodblogger extraregionali ma non entreranno nella classifica, è sponsorizzato dal Comune di Fiumicello che, per quelli che vivono qui è il regno della frutta e non solo, anche gli asparagi la fanno da padrone quand'è la stagione.

Molti si spostano volentieri per andare in quella zona a comperare la frutta, lì vicino c'è la Laguna di Grado, meta di vacanza per molti stranieri e anche centro termale di cura.

Voi sapete che da fanciulla vivevo a Ronchi dei Legionari, amata e coccolata dalla mia adorata Signora Gisella, noi bambini possedevamo tutti una bicicletta e, finite le scuole, iniziavano le nostre ladresche scorribande fruttate, iniziavamo con le ciliegie, ormai ci conoscevano e i padroni degli alberi chiudevano un occhio e a volte ci dicevano: ocio de no cascar, che se ve fassè mal mi no vegno a ingrumarve!!! (attenti a non cadere e farvi male perchè io non vengo a prendervi)... Nessuno è mai caduto :-D

Noi fanciulle tornavamo a casa sempre adornate con splendidi orecchini rosso ciliegia e, per farci notare, muovevamo la testa con fare elegante.

Poi arrivava il periodo delle pesche e lì era più semplice perchè si poteva agire indisturbati anche rimanendo in sella, ne prendevamo qualcuna, la infilavamo nella maglietta, una in bocca e via di corsa...

Ed è per questo, per questi ricordi che ho deciso di partecipare al concorso, nonostante i vari sassolini che ho nella scarpa, mi piace rimanga qualcosa di me e di questi posti, (il post è molto più lungo perchè Libera Pincin ama scrivere e commentare ciò che accade , perciò vi invitiamo a leggerlo interamnete su accantoalcamino's blog ).

Ma la parte bella è che la mia Amica Tiziana (compagna di merende) fa spesso mostre a Fiumicello, i suoi quadri sono straordinari, di sicuro vi ricordate questo che sta in bella mostra al Prosciuttificio Wolf di Sauris, vedete che gira e rigira il bello ed il buono rimangono qui, in Friuli Venezia Giulia?

Ed eccomi qui, con la ricetta che mi è molto cara, perchè l'ho ideata un sera d'estate, di ritorno da una gita a Most na Soci, il post era questo.

Questo abbinamento mi frullava per la testa da un pò, siccome né ello né io amiamo molto il sapore di pesce ho pensato di smorzarlo un po' con le pesche nettarine, quelle dure che si prestano a essere tagliate con l'affettatrice; per non coprire l'equilibrio di sapori non ho usato l'olio d'oliva ma un olio di semi di vinacciolo e l'ho emulsionato con il succo di lime.

Ingredienti:

    fettine di trota affumicata,
    fettine di pesca noce,
    olio di semi di vinacciolo,
    succo di lime,
    sale nero di Cipro macinato.

Come fare:

alternare le fettine di trota e pesca, irrorarle con la citronette, far insaporire per 15 minuti e mangiare

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)