cibo, vino e quantobasta per essere felici

Coda di rospo con asparagi

4 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Valutazione 4.00

rana pescatrice e asparagi verdirana pescatrice e asparagi verdiASPARAGI. 9 APRILE. La ricetta di oggi i nostri lettori probabilmente la ricordano perchè è stata anche la copertina di un nostro numero cartaceo del 2018. E' un piatto molto interessante e goloso creato da Giulia Godeassi di julietsbelly.com E' una proposta inconsueta e golosa che ben figura sulla tavola delle feste. 

Copertina del mensile qbquantobasta aprile 2018Copertina del mensile qbquantobasta aprile 2018

 

Ingredienti per 4 persone


2 filetti grandi di rana pescatrice
1 mazzetto di asparagi da 500 g
40 g di pistacchi
2 spicchi d’aglio
il succo di 1 limone
150 g di pancetta affumicata
1 bicchiere di vino bianco
olio extravergine di oliva q.b
pangrattato q.b.
sale e pepe q.b.


PROCEDIMENTO

Eliminate la spina centrale del pesce e la pelle. Riponete i filetti di rana pescatrice in una ciotola. Unite mezzo bicchiere di vino, uno spicchio di aglio schiacciato e il succo di un limone.

Marinate il pesce per almeno 12 ore in frigorifero. Sgocciolate quindi il pesce e asciugatelo con la carta da cucina.

Pelate gli asparagi con un pelapatate, eliminate la parte finale del gambo più dura e sbollentateli in acqua bollente salata. Una volta teneri, scolateli e fateli raffreddare.

Tritate nel mixer l’aglio, assieme ai i pistacchi e al pangrattato. Unite un filo di olio exra vergine di oliva, sale e pepe.

Farcite ora la rana pescatrice con gli asparagi e il trito precedentemente preparato. Arrotolatela stretta e avvolgetela con le fette di pancetta. Legate il tutto con lo spago da cucina.

Trasferitela in una pirofila in cui avrete versato 3-4 cucchiai di olio, mezzo bicchiere di vino bianco, uno spicchio d’aglio e timo fresco.

Cuocete nel forno già caldo a 180 °C per circa 25-30 minuti bagnando di tanto in tanto con il fondo di cottura.

Sfornate, eliminate lo spago da cucina e servite.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.