Budino d'uva (sugoli)

 courtesy foto: dal ricettario bimbycourtesy foto: dal ricettario bimby

Nelle settimane di vendemmia mi torna alla mente un dolce che mangiavo da bambina e che a casa mia era una tradizione importante. Si trattava del più squisito dei budini, fatti con il primo mosto fresco. Una spremuta di uva profumatissima (si usava spesso l’uva fragola o il clintòn). Un dolce tipico veneto gelosamente custodito. Ricordo che anche mio padre, uomo sicuramente non da cucina, si è cimentato una volta ai fornelli per dimostrare a mia madre che i suoi sugoli fatti con la farina mescolata a quella della polenta erano più buoni… In dialetto veneto la “elle”non si pronuncia, ricordatevelo quando vi chiederanno il nome di questa bontà: trattasi di sugoi.

 

Ingredienti 

1 litro di succo d'uva (si trova pronto nei negozi)

Se lo preparate in casa fate bollire dell’uva per 5 minuti e poi schiacciatela per fare uscire il succo (vi sentirete piccoli vignerons almeno per un giorno)

200 g di zucchero

1 pizzico di sale fino

100 g di farina 00,

50 g di burro (sciolto a bagnomaria)

Procedimento:

In una pentola antiaderente versare lo zucchero e gli altri ingredienti.

Aggiungere a filo un poco di succo di vino, mescolare bene con la frusta perché non si formino grumi.

Poi, sempre mescolando piano aggiungere il resto del liquido.

Mettere a sobbollire a fuoco basso per cinque, massimo dieci minuti.

Imburrare leggermente dei piatti da portata. Versare nei piatti il budino: deve essere alto circa un centimetro e mezzo.

Lasciare riposare un giorno prima di servire.

 

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
Privacy Policy