fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Scuola primaria sportiva

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Il giovane portiere Simone Scuffet bianconero terrà a battesimo l’avvio della sperimentazione “Scuola in movimento”, un progetto pilota all’avanguardia a livello nazionale. È il personaggio sportivo dell’anno in Friuli e non solo, ma è soprattutto uno studente che ha scelto di restare a Udine per completare la propria maturazione e il proprio percorso di studi. Per un nuovo progetto scolastico che punta sul valore educativo della pratica motoria e sportiva non poteva che essere il giovane portiere dell’Udinese Simone Scuffet a inaugurare, nel corso di una conferenza stampa in programma lunedì 22 settembre alle 12 nella scuola Dante, in via Dante Alighieri, la prima scuola primaria a indirizzo sportivo d’Italia. Il diciottenne talento bianconero terrà così a battesimo l’avvio dell’iniziativa “Scuola in movimento”, un progetto pilota all’avanguardia a livello nazionale che punta a valorizzare una delle scuole storiche della città. Per i prossimi cinque anni i 22 bambini iscritti alla prima classe della Dante sperimenteranno un programma educativo basato su almeno un’ora al giorno di attività fisica. Oltre a presentare l’iniziativa, l’incontro di lunedì prevede inoltre la firma del protocollo d’intesa tra tutti i partner che partecipano al progetto. Proprio per questo motivo oltre al sindaco di Udine, Furio Honsell, all’assessore allo Sport, all’Educazione e agli Stili di Vita, Raffaella Basana, e al dirigente scolastico del 3° istituto comprensivo, Livio Bearzi, saranno presenti rappresentanti dell’ufficio provinciale Educazione motoria, fisica e sportiva, del comitato scuola Dante, della parrocchia del Carmine, dell’associazione Genitori Comunità Educante, della facoltà di Scienze Motorie dell’università di Udine, del Coni, del dipartimento Prevenzione dell’azienda sanitaria 4 “Medio Friuli” e della fondazione Crup.



Copyright © 2009-2022 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo