cibo, vino e quantobasta per essere felici

Valtènesi, un Rosé in crescita

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Valtènesi Chiaretto, mercato all’insegna della crescita. Nuova e ancor più rigorosa interpretazione di un prodotto di antiche tradizioni della Riviera classica del lago di Garda, il Valtènesi Chiaretto è un vino che deve la sua unicità alla presenza del vitigno autoctono Groppello, coltivato solo in Valtènesi, cui nella cuvée fanno da supporto anche Marzemino, Barbera e Sangiovese. Il risultato è un rosé estremamente tipico e personale, protagonista negli ultimi anni di un successo  crescente sull’onda di quel “rinascimento rosa” che sta caratterizzando i consumi europei soprattutto in Francia, dove il consumo di rosati ha superato quello dei bianchi fermi.

“Nel 2017 la denominazione si presenta sul mercato con un quantitativo di 2 milioni di bottiglie in crescita del 10% sull’annata precedente – sottolinea il direttore del Consorzio Valtenesi Carlo Alberto Panont -. La domanda è in crescita, ma l’incremento produttivo viene ogni anno contenuto proprio per mantenere alta l’attenzione sulla qualità finale oltre che sul valore della singola bottiglia, che trova oggi il suo mercato di riferimento nella ristorazione di fascia medio alta oltre che nelle enoteche”. Il Valtènesi Chiaretto rappresenta la tipologia di riferimento di un territorio di lunghe tradizioni e di grande pregio ambientale, caratterizzato da un microclima di carattere mediterraneo regolato dall’influsso del più grande lago italiano.

Nella zona controllata dal Consorzio Valtènesi è a dimora un patrimonio vitato che supera ormai i 1000 ettari per un totale di 50 mila quintali di uva prodotta ogni anno. Dalle 96 cantine associate escono ogni anno circa 3,5 milioni di bottiglie, anche se la potenzialità produttiva supera ormai abbondantemente i 4 milioni.

Potrebbe interessarti anche Colori, profumi e storia del Chiaretto Valtènesi


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata